SDCC13

Speciale Agents of S.H.I.E.L.D.

A San Diego mostrato il pilot dell'atteso serial, ma cast e produttori non si sono lasciati sfuggire spoiler

speciale Agents of S.H.I.E.L.D.
Articolo a cura di

Agents of S.H.I.E.L.D. è uno dei nuovi serial tv più attesi della prossima stagione. Non c'è quindi da meravigliarsi se al Comic-Con di San Diego l'entusiasmo fosse alle stelle ancora prima l'arrivo dei protagonisti.
Il primo a entrare nel panel è stato Jeph Loeb, che indossava una maglia con la scritta Coulson Lives, seguito dagli sceneggiatori e produttori Jed Whedon, Maurissa Tancharoen e Jeff Bell. Sono poi arrivati Iain De Caestecker e Elizabeth Henstridge a cui Loeb ha chiesto di dimostrare il loro accento straniero. Dopo di loro è stato quindi il turno di Chloe Bennet e Brett Dalton, accolti da un commento scherzoso del responsabile tv della Marvel: “Abbiamo un cast veramente brutto!". Ming-Na è stata poi presentata come “quella tosta, e per ultimo è entrato Clark Gregg, l'agente Coulson. Un caloroso applauso ha infine accolto Joss Whedon.

Le prime due domande

Il compito di iniziare a porre le domande è stato affidato a un ragazzino speciale: Jonah che si trova a San Diego grazie all'associazione Make-a-Wish e ha voluto chiedere quali eroi e cattivi delle versioni cinematografiche dei fumetti Marvel potrebbero apparire nella serie. Joss Whedon ha risposto in modo vago, spiegando che potrebbero apparire personaggi conosciuti al cinema e anche altri che non hanno trovato spazio nei film.
La domanda successiva riguardava la possibile apparizione di Deadpool. Loeb ha smorzato l'entusiasmo dicendo che probabilmente questo non accadrà.

Il pilot

Nella sala c'è stata poi la proiezione del pilot. (Per chi preferisce evitare gli spoiler è meglio non proseguire la lettura di questa parte dello speciale!) La puntata inizia con due nuovi membri del team S.H.I.E.L.D. che vengono reclutati perché l'organizzazione governativa sta cercando di fermare un uomo (J. August Richards) che è stato vittima di un esperimento in grado di dargli super poteri ma anche una forza pericolosamente infiammabile (che ricorda la tecnologia Extremis che alimentava i nemici di Iron Man).
Tra i dettagli emersi online si scopre che l'agente Coulson è convinto di essere morto solo per una manciata di secondi dopo l'attacco di Loki e ha trascorso del tempo a Tahiti per riprendersi. I suoi colleghi tra loro accennano però al fatto che non dovrà mai sapere la verità.
Chloe Bennett nella serie ha il ruolo di Skye: una hacker pseudo anarchica molto presente nel pilot, a differenza di molti altri membri del cast.
Secondo alcuni siti internet, la struttura dell'episodio è simile a un dramma procedurale. I dialoghi sono stati inoltre molto apprezzati e descritti come “nello stile di Whedon”, con riferimenti, citazioni e battute taglienti.

Il ritorno di Coulson

Clark Gregg ha spiegato le sue prime impressioni quando è stato richiamato per la serie. “Non amavo essere morto, ma mi è piaciuto veramente il modo in cui è successo. Pensavo di aver chiuso con Coulson e sono incredibilmente contento e orgoglioso del percorso che ha avuto”, per poi aggiungere che è grazie ai fans che ha avuto questa nuova occasione e non smetterà mai di ringraziarli.

L'ultima parte del panel

Elizabeth e Iain sono entusiasti del progetto e l'attrice ha aggiunto che l'accento è molto utile per sembrare degli agenti migliori di quanto siano veramente, mentre Chloe Bennet ha raccontato che si è presentata ben sei volte davanti ai produttori prima di ottenere la parte.
Ming-Na ha mantenuto un atteggiamento riservato e ha spiegato che non può rivelare nulla del passato del suo personaggio.
I produttori hanno poi risposto con ironia a chi chiedeva come saranno in grado di mantenere alto il livello dello show: “Dovremo spendere troppi soldi per realizzare gli episodi successivi”, prima che Ming-na scherzasse dicendo che avrebbero fatto passare una tazza per raccogliere le offerte tra i presenti.
Joss Whedon ha concluso dichiarando di essere stato ospite del Comic-Con altre volte, ma è sempre diverso: “Ho quella sensazione che non ho provato per molto tempo. Questo è uno show che ha così tanta storia e un enorme potenziale. Immagino di essere elettrizzato”.