Amazon Prime Video: 5 serie horror da non perdere

A volte la paura va combattuta con la paura, e cosa c'è di meglio delle serie horror che offre Amazon Prime Video?

rubrica Amazon Prime Video: 5 serie horror da non perdere
Articolo a cura di

Inutile dire che il fan delle serie televisive non ha paura di stare in casa. Una buona connessione internet, abbonamenti aggiornati ed ecco la ricetta per ammazzare il tempo in questo periodo in cui si fa a gara per andare a sversare l'immondizia. Eppure anche in casa si può aver paura... Amazon Prime Video lo sa bene ed ha, all'interno del suo catalogo, un nutrito numero di serie a tinte horror, che, con la loro funzione catartica possono far dimenticare l'atmosfera da film catastrofico ed apocalittico che sta vivendo la nostra penisola, con altre ambientazioni che fanno del terrore e dei brividi sulla schiena il loro punto forte.

Ecco allora un pratico excursus su cinque delle serie horror presenti sulla piattaforma (qui invece i 5 miglior fantasy di Prime Video) che possono aiutare lo spettatore ad allietare le proprie giornate forzatamente casalinghe e risultare, forse, più terrorizzante dei telegiornali di questi giorni.

The Terror

Si inizi da The Terror, serie antologica, prodotta dalla AMC e distribuita nel mondo da Amazon Prime. Per ora la produzione si compone di due stagioni. La prima è tratta dal romanzo omonimo, scritto da Dan Simmons. The Terror è ambientata alla metà del diciannovesimo secolo e segue le disavventure di due navi della Royal Navy, la Erebus e appunto, la Terror. La loro missione è trovare il passaggio a Nord Ovest, ma le due imbarcazioni si ritrovano bloccate nel ghiaccio ed isolate.

Gli equipaggi dovranno quindi sopravvivere in condizioni climatiche sfavorevoli, senza considerare che strani avvenimenti minacciano le loro vite. The Terror vanta nel suo cast la presenza di Jared Harris, divenuto famoso per Chernobyl e Tobias Menzies, che ha interpretato Edmund Tully ne "Il Trono di Spade. La prima stagione di The Terror è composta da dieci episodi.

Con la seconda si cambia ambientazione spaziale e temporale, la storia porta lo spettatore fino alla Seconda Guerra Mondiale, all'interno di un campo di internamento. Qui una comunità nippo-americana viene colpita da alcune morti misteriose. Anche questa stagione è composta da dieci episodi. Nel cast, Kiki Sukezane (Westworld, Lost in space, Heroes Reborn) ed il mito George Takei (Star Trek).

Recensione di The Terror.

The Purge

Il genere horror, ormai, ha pochi spunti di originalità, James DeMonaco è riuscito con il suo film, The Purge (La notte del giudizio) a dare una ventata di novità al genere. Alla prima pellicola ne sono seguite altre tre, fino ad arrivare persino ad una serie televisiva finora composta da due stagioni, prodotta dalla Blumhouse Productions e dalla Platinum Dunes.

In un'America distopica, governata da un gruppo ai limiti della teocrazia che si è dato il nome di Nuovi Padri Fondatori, è stato deciso che una notte all'anno, a metà marzo, per dodici ore, tutti i crimini saranno consentiti, quindi i cittadini potranno prendere parte allo Sfogo (in inglese The Purge) e purgarsi da tutta la violenza e l'odio che covano dentro per tutto l'anno.

La prima stagione di The Purge, composta da dieci episodi, riprende lo schema dei film, dal secondo al quarto, e mette in scena una narrazione corale, con la storia che segue i personaggi e le loro vicende all'interno di questa pazzesca notte.
La seconda stagione, pure lunga dieci episodi, cambia le carte in tavola e dopo un'incipit che fa presagire una ripetizione della struttura narrativa della precedente tornata di episodi preferisce concentrare l'attenzione sul periodo che divide due notti del giudizio e le conseguenze dello sfogo sulle menti e sulle vite dei protagonisti. Naturalmente, visto che di tempo ce n'è in abbondanza in questi giorni, il consiglio è recuperare anche i film!

Recensione The Purge Stagione 2.

NOS4A2

Se di Horror si deve parlare non si può che pagare dazio ad uno scrittore che per cognome fa King.
Stavolta non è il divino Stephen, ma il figlio Joseph, il quale, per non sfruttare il nome dell'illustre genitore, firma i propri romanzi con lo pesudonimo, Joe Hill.
Nos4a2, come può presagirsi sin dal titolo, è un'ennesima, ma più originale, rivisitazione del tema del vampiro.

Il mostro di turno è Charlie Manx, il quale si nutre delle anime dei bambini che irretisce promettendo loro che nel paese da cui viene è sempre Natale e nessuno è infelice! A combattere il vampiro di anime infantili c'è Vic McQueen, una giovane artista che sa come rintracciare Manx, con un potere che aveva sin da piccola, ma che non ha contribuito a rendere più facile la sua vita.
Nos4a2 racconta la storia nell'arco di dieci episodi e nel cast annovera Zachary Quinto.

Recensione di NOS4A2.

The Exorcist

Negli anni '70 si propose come la pellicola horror per eccellenza. Il film si chiamava e si chiama tutt'ora l'Esorcista e dopo più di quarant'anni dalla sua uscita ha visto una nuova consacrazione televisiva con una serie che va ad inserirsi nel medesimo universo narrativo.

La prima stagione, dieci episodi, ha per protagonista Marcus Keane (Ben Daniels), un'esorcista in crisi di fede, a cui viene segnalato da Padre Tomas Ortega (Alfonso Herrera) un possibile caso di possessione demoniaca, in casa di Angela Rance. La donna vive con il marito e le due figlie Katherine e Casey. Il demonio sembra aver preso di mira la prima, ma tutto sembra cambiare improvvisamente, chi è il bersaglio del diavolo e chi è in realtà Angela ?

Nel cast anche Geena Davis. Una stagione che è un must assoluto per chi ha amato il film. La seconda stagione, invece, cambia ambientazione e porta Padre Marcus e Padre Tomas in un viaggio contro le forze del male che li porterà in una casa famiglia in cui sembra albergare anche il demonio. Purtroppo la serie sembra sia stata cancellata non per motivi di rating, ma perché a seguito della fusione tra Fox e Disney, questa non l'ha considerata adatta al suo target di pubblico.

Lore

Altro consiglio sentito è Lore, nata come serie di podcast creati da Aaron Mahnke, è divenuta, grazia ad Amazon Prime, una docuserie antologica che spiega le origini dei miti horror. In Lore la narrazione non è quella solita, ma si fondano scene narrate a testimonianze e, persino, dei veri filmati d'epoca. Gli episodi sono autoconclusivi e rappresentato parte di un'antologia.

Si spazia dalle origini dello spiritualismo a quelle dei vampiri, passando per i lupi mannari. L'impostazione documentaristica rende la serie più terrificante di quello che potrebbe sembrare, in quanto da sempre fa più paura quello che è descritto come reale e non frutto della mente fervida di qualche creativo. Degli originali podcast resta la voce narrante del creatore, che rende l'atmosfera ancora più terrificante. Lore si compone di due stagioni ed annovera tra gli attori che hanno prestato la loro interpretazione Robert Patrick, Holland Roden e Colm Feore.

Recensione di Lore Stagione 2.

Fear The Walking Dead

Infine, si conclude questa carrellata con lo spin off di una delle serie che più ha segnato gli ultimi anni. Fear The Walking Dead è la prima figlia di The Walking Dead. Arrivata alla quinta stagione ha cercato, al suo principio, di raccontare l'inizio dell'apocalisse zombie, ma ben presto si è allineata alla serie madre, arrivando alla contemporaneità, tanto che alcuni dei personaggi di The Walking Dead appaiono anche nello spin off.

La trama segue le vicende della famiglia di Madison Clark, in fuga dai vaganti assieme al suo compagno Travis Manawa, e dei sui figli, nati da una precedente relazione: Nick, tossicodipendente, ed Alicia. Fear The Walking Dead permette allo spettatore di vivere, da un altro punto di vista, il dramma dell'apocalisse zombie.
La produzione AMC si compone di cinque serie, su Amazon Prime si trovano le prime quattro. L'ultima è ancora inedita in Italia, mentre la sesta arriverà, negli Stati Uniti nel 2020.