Netflix

La Casa di Carta, l'inizio della fine della serie dei record Netflix

Il 3 settembre assisteremo alla prima parte del capitolo finale de La Casa di Carta. E sarà davvero esplosivo, almeno dal trailer.

La Casa di Carta, l'inizio della fine della serie dei record Netflix
Articolo a cura di

È tempo di fugare qualsiasi dubbio; volenti o nolenti, La Casa di Carta è tra le serie Netflix più viste in assoluto. I colpi del Professore e della sua banda, architettati al millimetro, hanno finora appassionati gli spettatori di tutto il mondo, facendo della serie di Alex Pina un fenomeno globale e dei suoi attori delle star assolute. Nel corso delle sue quattro stagioni, pardon, parti, lo show Netflix ha alzato sempre più la posta in gioco, creando un circolo di aspettative dettate dal ritmo dei continui colpi di scena, che hanno più volte messo a rischio la plausibilità degli eventi e la sospensione dell'incredulità pur di salvare i suoi protagonisti, in un heist show che vorrebbe fare della verosimiglianza della pianificazione uno dei suoi baluardi.

Come tutte le cose, però, anche La Casa di Carta sta giungendo all'inevitabile conclusione, sicché la quinta sarà di fatto l'ultima parte dello show, divisa a sua volta in due volumi da cinque episodi ciascuno, in uscita rispettivamente il 3 settembre e il 3 dicembre 2021. Nella giornata di ieri Netflix ha rilasciato un trailer de La Casa di Carta 5 a dir poco esplosivo riguardante la prima di queste release attesissime dai fan, che hanno dovuto scendere a compromessi con i ritardi dovuti alla pandemia globale, ma che ora più che mai si trovano vicini al traguardo.

Misure estreme

La liberazione di Lisbona (Itziar Ituño) aveva dato nuova speranza alla banda dei Dalì, che nella quarta parte dello show avevano dovuto fare i conti con la micidiale determinazione di Gandìa (José Manuel Poga) e le conseguenze erano state devastanti, con la dipartita di uno dei personaggi più amati dello show. Ovviamente se volete rinfrescarvi la memoria, il metodo migliore rimane recuperare la nostra recensione de La Casa di Carta 4 e ritrovarvi in quei fatidici minuti finali, quando anche la sicumera del Professore (Álvaro Morte) dopo il ritorno dell'amata Raquel scema completamente di fronte alla minaccia della pistola di Alice Sierra (Najwa Nimri), che ha scoperto il suo nascondiglio e ora sembra tenere sotto scacco la mente alla base del colpo alla Banca di Spagna.

Una rapina che continua da ormai cento ore, come ci ricorda l'inizio del trailer rilasciato ieri. Ci troviamo quindi in una situazione di stallo. Con il Professore completamente in balia di Sierra e costretto a rivelare a Lisbona che quella potrebbe essere l'ultima volta che si fa sentire, la banda potrebbe rischiare grosso, ora che sembrava aver ritrovato un'apparente coesione. Dopo essere stata rimossa dall'incarico in seguito alle rivelazioni del Professore sulla tortura di Rio, l'ormai ex-ispettrice Sierra ha intrapreso una personalissima crociata contro il personaggio interpretato da Álvaro Morte ed è riuscita così a mettere a rischio il colpo stesso alla Banca di Spagna.

L'ultimo scontro

Per di più il Colonnello Tamayo si appresta a prendere il controllo esclusivo dell'operazione dopo la serie di fallimenti e scandali che hanno costellato i negoziati, ma ora la svolta è netta: l'esercito farà irruzione con tutta la sua potenza e alla fine ci sarà un solo vincitore. Nel frattempo, Lisbona sembra prendere il controllo della situazione e organizzare una controffensiva che coinvolge tutti i membri della banda. Così, mentre il destino del Professore si fa sempre più incerto e i Dalì devono prendere in considerazione il fatto che potrebbero esserci ulteriori perdite nei loro ranghi, inizia l'ultimo scontro tra guardie e ladri e questa volta il risultato sarà definitivo.

Chissà che in un modo o nell'altro non avrà occasione di giocare indirettamente un ruolo importante anche Berlino, il fratello del Professore scomparso nella seconda stagione, che rivediamo in un flashback mentre cerca di portare a termine un colpo in compagnia di Marsiglia e di altri personaggi che troveranno sicuramente spazio nel corso della narrazione. E lo stesso Marsiglia avrà ancora un ruolo da giocare, ora che l'esercito si appresta a scalare letteralmente la Banca di Spagna e ad irrompere a suon di esplosioni.

Il 3 settembre sarà quindi l'inizio di una lotta all'ultimo sangue, come sembrano suggerire le sequenze al cardiopalma del trailer de La Casa di Carta 5, in un tripudio di scene action che mostrano la scala della produzione di quest'ultimo capitolo, tra soldati armati fino ai denti che esplodono colpi all'infinito e coreografie belliche su larga scala fronteggiate con determinazione dai protagonisti.

Resta solo da vedere se, al di là dei colpi di scena esponenziali, i sentimenti giocheranno qui un ruolo costruttivo nella risoluzione, o si riveleranno ancora una volta l'ostacolo nel raggiungimento dell'obiettivo. E voi, siete pronti a calarvi per l'ultima volta le maschere di Dalì sul volto?