Cinque serie tv da recuperare su Netflix durante le vacanze estive

Dal drama al comedy, cinque ottimi titoli da recuperare quando si è confinati in casa a causa del caldo estivo

speciale Cinque serie tv da recuperare su Netflix durante le vacanze estive
Articolo a cura di

L'estate è la stagione delle giornate al mare e delle serate con gli amici. È la stagione dei pomeriggi passati all'aperto e, per chi proprio non riuscisse a restare a casa a vegetare, delle grandi avventure. Ma con i mesi più torridi arrivano anche quei pomeriggi talmente caldi che uscire di casa risulta una tortura, ed è proprio in queste occasioni che il catalogo Netflix diventa un piccolo tesoro dal quale attingere per riempire le ore vuote con qualche serie tv che magari non abbiamo avuto tempo di vedere prima.
La piattaforma conta tra i suoi titoli numerose chicche di diverso genere da non lasciarsi sfuggire, non solo i prodotti più pubblicizzati, ma anche alcuni piaceri nascosti che meritano una possibilità. Drama, horror, comedy... scegliete il vostro genere, armatevi di qualcosa di fresco da bere o da mangiare (amanti del gelato, mi riferisco a voi) e godetevi un bel pomeriggio di binge watching.
Dai generi più a seri a quelli piacevolmente disimpegnati, ecco qui cinque serie tv da recuperare durante le vacanze estive.

1. Derry Girls

Serie tv creata nel 2018 dall'irlandese Lisa McGee, Derry Girls è atipica e brillante, un piccolo gioiello nel panorama delle comedy attuali. Potrebbe essere definita uno scorcio irriverente sulla vita nell'Irlanda del Nord, ma c'è molto di più di ciò che appare al primo sguardo, dettagli che rendono questo prodotto qualcosa di leggero e profondo al tempo stesso.
La serie è ambientata negli anni ‘90 nella cittadina nord-irlandese di Derry e segue le vicende di un gruppo di ragazze (più un ragazzo inglese) a cui ne capitano davvero di tutti i colori.
Con i suoi personaggi ben caratterizzati (la cui rappresentazione è rafforzata da un cast eccellente) e le situazioni assurde, Derry Girls è una comedy degna di essere definita tale, ma non per questo la sua buffa essenza banalizza le tematiche impegnate che fanno da sfondo alla storia.

I protagonisti si trovano ogni giorno ad affrontare problemi tipici (a volte banali) dell'adolescenza e dell'ambiente scolastico, ma si muovono anche in una realtà complessa, attraversata da problematiche sociali, politiche e religiose, in particolare la questione dei Troubles, lo spinoso conflitto nordirlandese che opponeva da un lato i protestanti e dall'altro i cattolici, e che ha causato non poche vittime. La violenza di questi disordini non viene affrontata in modo approfondito, ma è presente sullo sfondo della serie tv, che l'alleggerisce però grazie a una raffica di rapide battute e divertenti dinamiche di gruppo che sottolineano la forza dei legami d'amicizia, anche quelli più strambi.
Consiglio bonus: Derry Girls, di cui su Netflix arriverà la seconda stagione il 2 agosto, va guardato in lingua originale. Una componente importante della sua essenza comica riguarda il forte accento delle protagoniste, che concorre alla caratterizzazione realistica di queste ultime e che solo dei sottotitoli può rendere comprensibile a chi non ha l'orecchio abituato alla pesante inflessione irlandese.

2. Doctor Foster

Netflix ha molto da offrire anche a coloro che apprezzano le serie tv più impegnate. Un titolo che va assolutamente recuperato è Doctor Foster, miniserie britannica del 2015 di genere drama (gli inglesi con queste cose hanno dimostrato di saperci davvero fare) che ruota attorno alla vita di una donna, il medico Gemma Foster, che sospetta un tradimento da parte del marito.
A partire da un capello biondo trovato sulla giacca di lui, la vita di Gemma diventerà una vera e propria ossessione, a caccia di indizi e prove che confermino o smentiscano il fatto. Doctor Foster è una serie della BBC di qualità eccezionale, un viaggio nella mente disturbata di una donna che ha perso ogni certezza e che tenta con tutti i mezzi, anche molto discutibili, di distruggere la rete di menzogne che le è stata creata attorno.
A dare forza alla rappresentazione di una protagonista emotivamente distrutta contribuisce anche l'interpretazione magistrale di Suranne Jones, che alterna in modo del tutto credibile rabbia e disperazione grazie a una recitazione profonda. Su Netflix sono disponibili due stagioni da cinque episodi l'una, dunque facilissime da recuperare in un paio di giornate di maratona, nonostante i contenuti non proprio leggeri.

3. Scream

Su Scream ci sono stati pareri molto discordanti, tra coloro che l'hanno apprezzata e chi invece l'ha demolita in ricordo della superiorità degli omonimi film di Wes Craven.
Il modo migliore per godersi la trasposizione televisiva di questo pilastro dello slasher movie anni ‘90 è quello di non prenderlo troppo sul serio e di goderselo per ciò che è: una serie tv non troppo impegnata, di qualità discreta e capace di fare il proprio lavoro, ossia di tenere sulle spine lo spettatore fino alla risoluzione del mistero.
Oltre agli immancabili omicidi seriali a opera di un ignoto killer (che ricorda però le gesta del famigerato Brandon James), a tenere alta la tensione sono i comportamenti dei personaggi. Nessuna delle figure in gioco sembra essere del tutto innocente e gli scheletri nell'armadio sono davvero molti, particolare che fa sì che sia impossibile non sospettare di loro.
Scream , due stagioni disponibili su Netflix (la terza è stata recentemente distribuita su VH1) è un prodotto che palesemente mira a soddisfare un target giovanile ma che dona qualche soddisfazione a tutti gli amanti del genere slasher che vogliono passare qualche pomeriggio estivo in compagnia del brivido della suspense.

4. Amiche per la morte - Dead to Me

Quale ambientazione grida estate più delle coste degli Stati Uniti, con le loro palme e i paesaggi che fanno istintivamente venire voglia di andare in vacanza? Ecco perché Dead to Me sembra un'altra serie perfetta per un recuperone estivo. Non siamo di fronte a una comedy, né a una serie esclusivamente drama, ma a un prodotto ibrido etichettato recentemente come dark comedy, che già ha avuto degli esponenti illustri (ricordiamo la brillante serie inglese Fleabag).
Dead to Me, prodotta da Liz Feldman, ha una trama non proprio originale, ma dei risvolti molto interessanti e delle protagoniste, interpretate da Christina Applegate e Linda Cardellini, che hanno il compito al tempo stesso di divertire e commuovere gli spettatori.
Jen è una donna che ha recentemente perso il marito in un incidente e che cerca ogni giorno di affrontare il dolore di questa perdita, badando anche ai due figli. Quando incontra Judy, un'artista dall'animo dolce anch'essa colpita da un lutto, tra le due nasce un'amicizia profonda. Le cose non vanno però come sperato, poiché Judy nasconde un segreto che è una vera e propria bomba a orologeria pronta a scoppiare.
Nonostante i toni spesso divertenti, la serie tocca tematiche molto forti, tra cui la perdita di una persona amata e il vuoto che essa lascia. Un'ulteriore complessità è data dal particolare rapporto tra le protagoniste, un'amicizia che le aiuta a superare i tormenti, ma che si basa su questioni controverse che suscitano attimi di riflessione.

5. The Good Place

Chiudiamo la lista con una commedia in tutto e per tutto, una serie tv che non può non essere vista. The Good Place, creata da Michael Schur, è fresca, colorata, divertente e originale, tutti requisiti che una comedy dovrebbe rispettare. La sua atipicità è data da una trama particolarissima, che mette in scena dilemmi etici e il secolare conflitto tra buono e cattivo, tra giusto e sbagliato.
Eleanor Shellstrop è una donna cinica, egoista e scorretta che, dopo la morte, viene catapultata nella parte buona dell'Aldilà, scambiata per una sua virtuosa omonima. Eleanor capisce presto che si tratta di un errore, ma farà di tutto per ambientarsi in una realtà in cui tutti sono eccessivamente buoni. Ad affiancarla in questa stramba avventura ci sarà un gruppo di personaggi, uno più bizzarro dell'altro, alla scoperta di un mondo che non è ciò che sembra e che cela non poche complessità etiche.
Kristen Bell, nei panni di Eleanor, è a capo di un cast brillante e divertente che dà vita a situazioni assurde ed esilaranti. Un ulteriore punto a favore della serie riguarda tutti i giochi di parole con cui le parolacce, assolutamente vietate nella parte buona, vengono mascherate. Su Netflix sono disponibili le prime due stagioni: negli Stati Uniti in autunno inizierà la quarta, che sarà anche quella conclusiva.