Netflix

Daredevil: cosa possiamo aspettarci dalla nuova stagione?

Cosa accadrà nella terza stagione della serie Marvel-Netflix incentrata sul vigilante cieco? Ecco le nostre aspettative e supposizioni.

speciale Daredevil: cosa possiamo aspettarci dalla nuova stagione?
Articolo a cura di

Il 19 ottobre debutterà su Netflix la terza stagione di Daredevil, l'acclamata serie basata sull'omonimo fumetto della Marvel. Dopo la sua morte apparente al termine del crossover The Defenders, l'avvocato cieco Matt Murdock e il suo alter ego dal costume demoniaco torneranno a difendere il quartiere di Hell's Kitchen, le cui difficoltà non accennano a diminuire. Cosa possiamo aspettarci da questo nuovo ciclo di episodi curato dallo showrunner Erik Oleson? Ecco alcune certezze e qualche supposizione.

Rinascita

Non parliamo solo in termini letterali, riferendoci a quanto accaduto l'ultima volta che abbiamo visto Matt in azione. La terza stagione si basa in parte proprio su Rinascita (Born Again), celebre storyline scritta da Frank Miller, dove Wilson Fisk/Kingpin rovina la vita di Murdock dopo averne scoperto la doppia identità. La seconda stagione di Daredevil suggeriva già che Fisk avesse intuito il segreto di Matt, ed è la sua vendetta ad avere un ruolo centrale nei trailer usciti nelle ultime settimane. Oltre a Fisk sarà presente anche Maggie, una suora la cui presenza nella vita di Matt è a dir poco fondamentale, come già presagito dal finale di The Defenders.

Attendiamo con impazienza il ritorno di Vincent d'Onofrio nei panni del temibile gangster, una delle scelte di casting più azzeccate dell'intero Marvel Cinematic Universe. Ma non ci sarà solo lui, come dimostra l'annunciato ritorno in scena di Rosalie Carbone, introdotta nella seconda stagione di Luke Cage. E poi, ovviamente, un debutto che tutti i fan del Daredevil a fumetti aspettano da tre anni...

Bullseye


Nei trailer viene identificato solo come "Agente Poindexter", ma è stato confermato che si tratta di nientemeno che Bullseye, il più noto avversario di Daredevil insieme a Kingpin. Come il Joker nell'universo DC, il personaggio non ha un passato ben definito, che in ogni caso non è necessario per capirne ed apprezzarne le principali qualità da cattivo: è in grado di usare qualunque oggetto come un'arma e, come suggerisce il suo nome d'arte, non manca (quasi) mai il bersaglio. I fan incalliti della Marvel ricorderanno forse la performance istrionica di Colin Farrell nel film di Mark Steven Johnson (il quale, guarda caso, avrebbe voluto girare un sequel basato su Rinascita), ma sembra decisamente più temibile la versione made in Netflix, interpretata da Bethel Wilson. Soprattutto se, oltre al lavoro di Miller, venisse adattato anche parte del materiale scritto da Kevin Smith.

Addio, Karen?

Sappiamo, in base alle dichiarazioni di cast e troupe, che la nuova stagione approfondirà il misterioso passato di Karen Page, con cui Matt ha avuto una relazione nella seconda annata dello show. E se tale approfondimento ponesse le basi per un'uscita di scena, magari dai contorni tragici? La presenza di Bullseye, incaricato di rovinare la vita di Matt commettendo degli omicidi vestito da Daredevil, fa inevitabilmente pensare a Guardian Devil, la storyline ideata da Kevin Smith dove Karen, che non ha mai avuto vita facile (nel Rinascita fumettistico fu lei, in preda alla tossicodipendenza, a permettere a Kingpin di scoprire il segreto di Murdock), muore tra le braccia dell'amato. Sarebbe anche un'evoluzione logica nel contesto del nuovo ciclo di episodi, dove Matt è distrutto "fisicamente, moralmente e spiritualmente" e si spinge in posti più oscuri del solito, nonché uno sviluppo abbastanza inevitabile: mentre i supereroi stessi tendono a non morire (quasi) mai, non si può dire lo stesso delle loro amate. Cosa che Murdock già sa, avendo perso Elektra ben due volte negli ultimi due anni. E data l'atmosfera generale della serie, non è tanto ipotizzabile un happy end per lui e la sua ex-segretaria.