ROMAFF12

DuckTales: storie di paperi, ma che bei paperi

Dal 26 novembre su Disney Channel tornano le divertenti avventure di DuckTales, in una nuova e moderna veste grafica...

speciale DuckTales: storie di paperi, ma che bei paperi
Articolo a cura di

Verso la fine degli anni ottanta, The Walt Disney Company decise di realizzare una serie animata per la televisione che ruotasse attorno alla figura di Paperon de'Paperoni: nasce così il mito di DuckTales, che con i suoi 100 episodi totali ha accompagnato l'infanzia di tantissimi ragazzi. Non esiste nessuno che non abbia passato almeno qualche ora in compagnia di zio Paperone e dei suoi nipoti Qui, Quo e Qua alla ricerca di ricchezze scomparse e tesori misteriosi, tra disavventure e missioni impossibili.

Ad anni di distanza DuckTales torna in televisione su Disney Channel (dal 26 novembre alle 19.45) con una nuova stagione composta da 22 episodi: per cercare di avvicinarsi maggiormente ai gusti delle nuove generazioni, Disney ha deciso di rivedere la grafica dei personaggi, rendendo il tutto meno arrotondato e più spigoloso. "Sì, adesso sono arrivati un sacco di spigoli, ma lo spirito della serie è sempre lo stesso, iperdinamico e divertente", ha raccontato Luca Usai, disegnatore italiano che fa parte del team di disegnatori delle nuove avventure di DuckTales.

Storie di paperi

Le nuove avventure di DuckTales cominciano con la storia del riavvicinamento di Paperino con zio Paperone: non si parlano da anni ma, quando Paperino si vede costretto ad allontanarsi dalla barca in cui vive per presenziare a un colloquio di lavoro, portare Qui, Quo e Qua dallo zio gli sembra l'unica soluzione possibile. Per i tre paperi Paperone è un vero mito, conoscono a memoria le sue avventure e ricordano con ammirazione ogni suo successo, ma il loro entusiasmo viene subito spento quando si ritrovano davanti un essere scorbutico, pigro e solitario. Sarà Gaia, la nipote di Tata Beakley, a salvarli da un pomeriggio di noia e accompagnarli alla scoperta dei segreti nascosti in giro per la casa. Ma si sa, quando ci sono di mezzo Qui, Quo e Qua non si può stare mai davvero tranquilli... nelle profondità di Atlantide, alla ricerca di un tesoro perduto, i tre paperi stabiliranno un contatto speciale con zio Paperone, che alla fine li inviterà a vivere con lui (Paperino compreso!) e a dare il via a una serie di nuove emozionanti storie.

Per chi ormai non è più un bambino, l'impatto iniziale con la nuova veste grafica di DuckTales è spiazzante, l'occhio e la mente fanno fatica a riconoscere subito qualcosa di altrimenti familiare. Gli spigoli che vanno a caratterizzare lo stile dei personaggi e delle ambientazioni, rendono il tutto molto fresco e moderno, conforme alla direzione che l'animazione seriale sta prendendo negli ultimi tempi, e non disturbano minimamente la fruizione totale del prodotto. Bastano pochi minuti per entrare completamente nell'immaginario di DuckTales, ridendo di ogni battuta (anche di quelle di Paperino, un po' difficile da comprendere nel doppiaggio italiano) e disavventura di Paperone e famiglia. Adrenalina, divertimento, guai e tenerezza riempiono ogni episodio di DuckTales, riportando in luce quello spirito originale e trasversale che ha garantito il successo della serie nelle decadi passate.