Marvel

Falcon and The Winter Soldier, cosa sappiamo sulla serie Marvel

Tra le serie originali di Disney+ ci sarà anche lo spin-off del MCU dedicato a Winter Soldier e Falcon: ecco cosa sappiamo fino a ora su di loro.

speciale Falcon and The Winter Soldier, cosa sappiamo sulla serie Marvel
Articolo a cura di

Dopo avervi raccontato tutto ciò che sappiamo sulla serie che vedrà come protagonista Hawkeye, prodotta da Marvel Studios per la piattaforma di streaming Disney+, tocca adesso approfondire un altro spin-off del Marvel Cinematic Universe che arriverà sui medesimi canali, tra l'altro presto disponibili in Italia. In arrivo in un ancora generico agosto 2020, dopo esser stata anticipata rispetto alla data di uscita originale fissata per l'autunno di quest'anno, la serie sarà dedicata a Falcon e Winter Soldier e sarà il primo di cinque show che andranno ad approfondire la fase quattro del MCU.

Quando arriverà su Disney+

Annunciata a ottobre 2018, la serie è stata successivamente confermata al Comic-Con dello scorso anno, a San Diego, durante un panel dedicato ai Marvel Studios.

Come lascia intendere lo stesso nome della serie, la narrazione andrà a concentrarsi sull'amicizia venutasi a creare tra i due più fedeli alleati e amici di Captain America: si parla ovviamente di Sam Wilson e Bucky Barnes, rispettivamente Falcon e il Soldato d'Inverno, che già alla fine di Avengers: Endgame avevano avuto modo di mostrarci un legame che andrà a essere snocciolato ulteriormente nella serie loro dedicata.

D'altronde tutti gli avvenimenti si svolgeranno dopo la fine del film che ci ha permesso di godere di una battaglia all'ultimo sangue contro l'ineluttabile Thanos, permettendoci così di continuare ad assistere a un mondo che si è liberato dal Titano Pazzo, come già avvenuto durante l'ultima scorribanda di Peter Parker a Venezia, affiancato dall'istrionico Mysterio.

La storia dedicata a Sam Wilson e Bucky Barnes sarà divisa in sei episodi da circa un'ora l'uno, per adesso raccolti in una sola stagione, il che lascia intendere che possa essere un'autoconclusiva, salvo sorprese dell'ultimo momento che potrebbero portare a un annuncio di una seconda stagione. La trama non dovrebbe mettere i due eroi dinanzi a dei pericoli di portata mondiale o universale, diversamente da quanto accaduto nel recente passato: ci sarà sì un ritorno del male, ma da un lato Sam dovrà fare i conti con il suo nuovo ruolo di Captain America, probabilmente affrontando anche le necessità del governo americano, e dall'altro invece Bucky continuerà la sua conversione al ruolo di White Wolf. Nel cast è prevista anche la presenza di Wyatt Russell, che andrà a dar vita al personaggio di U.S. Agent, il Super Patriota scelto dal governo per succedere a Steve Rogers e col quale, quindi, Falcon dovrà contendersi il ruolo affidatogli dallo stesso Captain America.

Le conferme del cast

Ovviamente nei panni dei protagonisti ci saranno rispettivamente Anthony Mackie e Sebastian Stan, confermati nei loro ruoli: il secondo, d'altronde, è da dieci anni un membro fisso del Marvel Cinematic Universe, con la sua prima apparizione in Captain America: Il Primo Vendicatore del 2011. Eravamo praticamente agli inizi di quello che sarebbe stato un arco narrativo intenso e in grado di tenerci col fiato sospeso per un decennio intero, conducendoci a dei risvolti che mai ci saremmo aspettati.

Mackie, dall'altro lato, è entrato nella rosa dei vendicatori nel 2014, con la sua prima apparizione nei panni di Sam Wilson in Captain America: The Winter Soldier. Entrambi, a modo loro, hanno avuto un ruolo fondamentale accanto a Steve Rogers, soprattutto per quanto riguarda Falcon, che in diverse occasioni si è dimostrato pronto a combattere la legge e opporsi alla stessa in nome della libertà degli Avengers, professata da Captain America: Anthony Mackie è stato uno dei secessionisti della spaccatura dei Vendicatori, contrapponendosi a Tony Stark e alla necessità intrinseca di Iron Man di ricevere un controllo dal governo americano sugli interventi sul campo.

Altrettanto borderline, ma con un'inclinazione molto più votata all'antagonismo, è la figura di Sebastian Stan, che proprio il Civil War rappresenta il pomo della discordia tra Steve Rogers e Tony Stark, con il primo che pur di difendere l'amico di sempre arriva allo scontro con Iron Man, lasciandolo a terra e facendo dissolvere in un sol colpo l'alleanza, l'unione e gli Avenger stessi. Dopo essersi liberato, però, di tutte le brutture che albergavano nel suo cervello, Bucky riesce a diventare un alleato dei Vendicatori sia in Infinity War che in Endgame, preparandosi, adesso, a una nuova primavera.

Il ritorno del male, con una maschera

Tra i ritorni più affascinanti ai quali potremo assistere in Falcon and The Winter Soldier troviamo sicuramente il Barone Zemo. A dargli vita sarà ancora una volta Daniel Brühl, che lo aveva interpretato in Captain America: Civil War, nel quale si era presentato come antagonista cardine e principale artefice di quella spaccatura alla base degli Avenger.

Zemo dopo aver ottenuto il proprio obiettivo tenta il suicidio, ma viene fermato poco prima di compiere l'atto estremo così da poter essere consegnato alle autorità per rispondere dei suoi crimini di guerra: la sua figura, inoltre, ha subito delle modifiche rispetto a quanto raccontato nei fumetti, rendendolo, nel Marvel Cinematic Universe, un superstite della Battaglia di Sokovia assetato di vendetta e artefice, quindi, dei bombardamenti durante la conferenza delle Nazioni Unite, evento che porta alla morte del padre di T'Challa e a porre tutti i riflettori su Bucky Barnes come principale colpevole dell'attentato. Ripartendo da dove eravamo rimasti con la linea narrativa, Zemo sarà inevitabilmente in prigione quando inizierà la serie, ma siamo sicuri che la sua presenza non si limiterà a un soggiorno dietro le sbarre: durante i sei episodi dello show avremo modo di assistere a un nuovo scontro tra il Barone e il Soldato d'Inverno, per rievocare anche quelle tematiche della guerra che entrambi ben conoscono. Tra l'altro, la conferma della presenza del personaggio e dell'attore stesso è avvenuta durante il Comic-Con di San Diego, durante il quale Brühl ha mostrato una maschera viola che richiama anche la sua figura legata ai fumetti, fino a oggi - come detto - abbastanza lontana dalla rappresentazione filmica.

Sceneggiatura e regia

La sceneggiatura sarà affidata a Malcolm Spellman, che si è occupato di scrivere tutti e sei gli episodi: una linea creativa univoca, quindi, che permetterà all'autore della serie Fox Empire di poter modellare nella sua interezza la serie dedicata a Winter Soldier e Falcon.

In passato, Spellman aveva già firmato la sceneggiatura di Matrimonio in Famiglia nel 2010, una commedia non di grande successo e che siamo sicuri che l'autore non gradisca che si ricordi con così tanta verve. Ad affiancarlo, alla regia, ci sarà invece Kari Skogland, già dietro la macchina da presa di alcuni episodi di Vikings, Penny Dreadful, Fear The Walking Dead, House of Cards, The Americans e The Walking Dead: una carriera che quindi passa inevitabilmente dalle serie televisive, medium che conosce indubbiamente bene.

Inoltre, trattandosi di una delle poche registe intervenute nel Marvel Cinematic Universe, la Skogland continua a tenere alta la bandiera di quel processo di pari opportunità e diritti che Hollywood ha finalmente sdoganato, soprattutto sospinto da Disney, che dopo aver affidato il live-action di Mulan a Niki Caro ha deciso di ingaggiare Cate Shortland per dirigere Black Widow, il film dedicato alla Vedova Nera in uscita a fine aprile, salvo rinvii, e Chloe Zhao per Gli Eterni, pellicola che racconterà, sempre quest'anno, la vita degli eroi creati dai Celestiali, con Angelina Jolie a guidare il cast nei panni di Athena.