Ironheart: chi è l'eroina erede di Tony Stark in arrivo su Disney+

Riri Williams/Ironheart è una new entry perfettamente contestualizzata all'interno del MCU, ma dalla sua storia editoriale sorge qualche dubbio,

speciale Ironheart: chi è l'eroina erede di Tony Stark in arrivo su Disney+
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

C'è sicuramente del forte orgoglio da parte dei Marvel Studios nel puntare su serie come Ms. Marvel o Ironheart e renderle parte importante, almeno su carta, dell'attesa Fase 4. Orgoglio perché è ammirevole e lodevole la volontà di dare spazio a testate così giovani, a dimostrazione che la Casa delle Idee sta tentando continuamente di rinnovarsi, anche se tra numerose difficoltà.

Ci sentiamo di dire, però, che nel caso della giovane Riri Williams - che ha esordito nei fumetti solo nel 2016 - c'è un rischio ingombrante dietro l'angolo: l'estrema limitatezza della sua storia editoriale. È palese che all'interno del macro-tessuto narrativo del Cinematic Universe l'inserimento di Ironheart sia un passo logico e squisitamente naturale, poiché al pari dei fumetti è l'eroina che in un certo senso raccoglierà l'eredità di Iron Man.

Al contempo, la quasi penuria - specialmente in solitaria - dei racconti a lei dedicati rischiano di causare un'altra Jessica Jones, nel senso di un prodotto tanto straordinario quanto incapace di trovare il bandolo della matassa e dare la giusta identità al personaggio. E qui la mancanza di un forte background editoriale si è fatta sentire e potrebbe ritornare. Ma facciamo un passo indietro e scopriamo chi è Riri Williams.

La voglia di mostrare le proprie capacità

Una quindicenne studentessa di ingegneria, un genio arrogante capace di qualunque invenzione ma anche un adolescente che fa fatica a comprendere le conseguenze di tutto ciò. Questa è l'affascinante dicotomia alla base del fumetto: un talento impareggiabile limitato dalla giovane età, dai dubbi e dalla baraonda causata da un periodo complicato; difficoltà amplificate dalle enormi complicazioni in ambito sociale di Riri. E forse proprio per questo decide di costruirsi un'armatura simile a quella di Iron Man con dei materiali che è riuscita a rubare nel campus, sublimare il suo genio e proteggersi, invece di affrontare sé stessa e il mondo.

In ottica MCU, qui le vicende iniziano a farsi incredibilmente suggestive, in quanto dopo aver sventato un'evasione è lo stesso Tony Stark ad affiancarla e a guidarla. Non in forma fisica, bensÌ come intelligenza artificiale da lui stesso concepita. Diciamoci la verità, un mossa del genere sarebbe davvero fuori luogo nell'universo condiviso? Assolutamente no, è un'idea talmente egocentrica recante il sigillo di qualità di Tony Stark da ogni angolazione la si guardi.

Questa è Riri Williams: da un lato una perfetta new entry, calcolata minuziosamente come sempre dai Marvel Studios e oltretutto rispondente ai requisiti di una piattaforma quale Disney+. Ironheart non è un personaggio né una testata particolarmente violenta; sviluppata nel modo giusto può attrarre un bacino d'utenza colossale. Come per Ms. Marvel, l'introdurla tramite una serie tv è un'intuizione brillante per rompere il circolo vizioso degli infiniti lungometraggi di origin story. Sulla carta è una tessera del mosaico esemplare della Fase 4, eppure resta sempre quel dubbio.

Ironheart è un personaggio la cui storia editoriale è davvero povera, principalmente usata come spalla in altre storie e crossover e in tali contesti ha funzionato egregiamente. La sua testata non ha avuto la stessa fortuna ed è stata subito criticata ed interrotta. In poche parole, non c'è molto materiale da cui prendere spunto, non ci sono tanti racconti da rielaborare e di conseguenza la base della serie non è così solida come si potrebbe pensare in prima battuta. È un rischio, ma basta ricordare un po' la storia: tante testate sono state rilanciate dai Marvel Studios attraverso l'MCU, dai Guardiani della Galassia allo stesso Iron Man, che nel lontano 2008 non viveva uno dei suoi momenti più felici e redditizi. Che Ironheart è sia il loro prossimo miracolo?