Lo sbarco sulla luna in tv: gli episodi a tema da (ri)vedere

Quali sono le serie, e soprattutto le puntate, da recuperare in occasione del cinquantenario dello sbarco sulla Luna?

speciale Lo sbarco sulla luna in tv: gli episodi a tema da (ri)vedere
Articolo a cura di

20 luglio 1969: in quella giornata storica, Neil Armstrong e Buzz Aldrin furono i primi uomini a mettere piede sulla Luna, un traguardo storico per l'intera razza umana, come disse lo stesso Armstrong dopo il suo primo "piccolo passo" sulla superficie del nostro satellite. Un evento importante, non privo di controversie a causa delle teorie complottistiche sulla presunta simulazione dell'allunaggio (la più gettonata è che fossero riprese posticce realizzate da Stanley Kubrick, un anno dopo l'uscita di 2001: Odissea nello spazio). Ovviamente, non sono mancati omaggi, più o meno seri, in vari progetti televisivi nel corso degli anni, e per festeggiare il cinquantenario della storica passeggiata di Armstrong e Aldrin abbiamo voluto passare in rassegna i tributi più significativi.

Dalla Terra alla Luna (1998)

Impossibile non cominciare dal racconto dell'allunaggio stesso, che fa parte dei dodici episodi di "Dalla Terra alla Luna", miniserie docufiction della HBO, andata in onda negli Stati Uniti nel 1998. Tom Hanks, che tre anni prima era stato Jim Lovell nel film Apollo 13, produce il progetto, dirige il primo capitolo e introduce nei panni di se stesso i primi undici episodi, che raccontano l'evoluzione delle varie operazioni Apollo della NASA dal 1961 al 1972. L'episodio finale è invece un finto documentario sulla missione Apollo 17, contenente anche una ricostruzione della realizzazione del film Il viaggio nella Luna di Georges Méliès (Hanks interpreta in questa sede l'assistente del celebre mago e cineasta), libero adattamento del romanzo di Jules Verne che dà il titolo alla miniserie. Un lavoro ambizioso e imponente, ammirevole per la ricostruzione storica e per il cast corale di cui fa parte anche l'allora semisconosciuto Bryan Cranston, scritturato nella parte di Buzz Aldrin.

I Simpson (1994)

Non si parla dell'allunaggio in senso stretto in Deep Space Homer, quindicesimo episodio della quinta stagione de I Simpson, ma la sua influenza è evidente in quello che è uno dei più amati contenitori di gag nella storia della famiglia gialla, un piccolo gioiello la cui premessa è stupidamente geniale: la NASA decide di mandare nello spazio un uomo comune per migliorare gli ascolti televisivi dei lanci, e il candidato prescelto diventa Homer. Si susseguono trovate comiche a un ritmo da capogiro, tra rimandi alle vere operazioni spaziali e citazioni cinematografiche a tema, tra cui quella immancabile del film di Kubrick, il cineasta più omaggiato in assoluto nella storia dello show. E poi c'è il magnifico cameo vocale di Buzz Aldrin, simpaticamente disposto a prendersi in giro da solo (gli autori temevano che lui se la prendesse per una battuta sul suo essere secondo rispetto ad Armstrong, ma Aldrin la pronunciò senza alcuna riserva).

Futurama (2001)

Anche l'altra creatura televisiva di Matt Groening si è prestata al gioco, in chiave decisamente più dissacrante: Roswell that Ends Well, diciannovesimo episodio della terza stagione di Futurama, affronta infatti il lato complottistico della vicenda, usandolo come gag per arricchire la trama principale incentrata sui nostri eroi che finiscono a Roswell, località nota per la presunta presenza di extraterrestri, nel 1947. In tale sede, il presidente Harry Truman commissiona la creazione della NASA dopo aver annullato un finto allunaggio. La sottotrama ha avuto diritto a una sorta di sequel nel 2009, nel film Into the Wild Green Yonder: la testa di Richard Nixon ammette candidamente che lo sbarco sulla Luna fu simulato - in realtà ebbe luogo su Venere!

Doctor Who (2011)


Poteva non esserci una menzione delle vicende di Apollo 11 nella più longeva serie di fantascienza di sempre, dove il passato della Terra è sempre stato un argomento importante? Ovviamente no, e a pensarci è stato Steven Moffat in Day of the Moon, secondo episodio della sesta stagione del revival dello show, durante l'era di Matt Smith. Il Dottore è in trasferta americana, alle prese con gli adepti del Silenzio, un ordine religioso che vuole eliminarlo a tutti i costi. Questi hanno sottilmente manipolato la razza umana per anni, influenzando le azioni della NASA per ottenere una tuta da astronauta per scopi nefandi. L'integrazione di eventi reali nel mondo fantastico del Dottore raggiunge l'apice nel finale, quando il protagonista smaschera i cattivi servendosi della trasmissione in diretta dell'allunaggio.

Altre serie


Altri tre show non hanno propriamente dedicato interi episodi al tema, ma si sono sbizzarriti con brevi gag, tutte incentrate sulla presunta simulazione: in Friends, nell'ottavo episodio della nona stagione, Phoebe è convintissima che sia stata tutta una messinscena, commentando "Si vedono i fili!"; Arrested Development propone invece un esilarante flashback, nella quarta stagione, in cui un giovane Ron Howard (futuro regista di Apollo 13) e il fratello assistono alle riprese del finto allunaggio (ma viene poi svelato che ci fu un vero atterraggio nel 1971); infine, X-Files, da sempre terreno fertile per esplorare varie teorie, da Roswell all'assassinio di Kennedy, svela nella controversa premiere dell'undicesima e ultima stagione che l'allunaggio fu simulato, e a supervisionare le riprese c'è il Fumatore, antagonista principale dello show.