Marvel

MCU, da Spider-Man agli X-Men: gli annunci sull'animazione da San Diego

Il panel sull'animazione Marvel non ha riservato nuovi annunci, ma tanti dettagli inediti anche sorprendenti sulle numerose serie animate in arrivo.

MCU, da Spider-Man agli X-Men: gli annunci sull'animazione da San Diego
Articolo a cura di

Un panel che non ha riservato propriamente delle sorprese, quello della Marvel dedicato all'animazione al Comic-Con di San Diego. O, perlomeno, non ci ha regalato sorprese in senso largo, cioè non è stato annunciato nulla di realmente nuovo, mentre invece sono stati rivelati molti più dettagli sulle prossime serie animate della Casa delle Idee, alcuni anche alquanto sorprendenti. Tra il delizioso primo trailer di I Am Groot ormai in dirittura d'arrivo su Disney+, produzioni che hanno radicalmente cambiato direzione nonché obiettivi e persino un rating vietato ai minori di 18 anni, le notizie interessanti non sono affatto mancate - su cui intendiamo soffermarci anche singolarmente.

Per adesso, però, ci limitiamo ad un corposo riassunto e a qualche considerazione generale, come ad esempio la valanga di rinnovi ancor prima della messa in onda per quasi tutti i prodotti in questione, aspetto che testimonia la fiducia immensa che la Marvel sembra riporre nel suo reparto d'animazione. Sarà una fiducia ben riposta?

Tra multiverso e primi anni di scuola

Iniziamo dall'entità più nota, ovvero What If...? (qui potete recuperare la nostra recensione di What if...?), che tornerà con la sua seconda stagione ad inizio 2023 su Disney+ ed è già stata rinnovata per un ulteriore ciclo di episodi. Cosa aspettarci dalle nuove puntate? In sostanza un more of the same, sarà semplicemente una piccola raccolta di storie antologiche che racconteranno, grazie allo stratagemma del Multiverso, versioni alternative degli eventi cui i fan hanno assistito nei film canonici del MCU. Sono già stati confermati alcuni dei protagonisti, a partire dai ritorni di Captain Carter e Vedova Nera fino a giungere a storie dedicate al Soldato d'Inverno, Hela, Shang-Chi, Gamora e persino Korg e Red Guardian.

La domanda principale può essere ovviamente solo una: ci sarà di nuovo una storia sul finale che proverà a mettere insieme i diversi eroi ed eroine? Da una parte ci auspichiamo di sì, What if...? forse necessita di un momento culmine di quel genere, mentre dall'altra ci rendiamo comunque conto di quanto possa essere problematico anche per la continuity creare ad ogni stagione una minaccia capace di mettere a repentaglio il Multiverso. Chicca conclusiva: un episodio sarà ambientato nel 1602, anno che per i lettori assidui dei fumetti Marvel attira immediatamente l'attenzione. Perché? Perché sicuramente trarrà ispirazione dal fumetto scritto da Neil Gaiman(a proposito, avete visto il nuovo trailer ufficiale di The Sandman?), che immaginava l'intero universo Marvel in un contesto storico appunto ben differente. Le possibilità, insomma, sono enormi.

Le notizie più sorprendenti, tuttavia, giungono invece da Spider-Man: Freshman Year, sempre tratteggiato - o comunque abbozzato - come la storia delle origini del Peter Parker di Tom Holland che nei film non ha mai trovato davvero spazio. In Captain America: Civil War, d'altronde, era già diventato l'amichevole uomo ragno di quartiere da diverso tempo e, visto il successo indiscutibile del personaggio, sembrava un'operazione perfettamente logica comporre una serie animata per colmare quel lasso temporale.

Adesso, invece, le carte in tavola sono cambiate, poiché Freshman Year non sarà canonica con il resto del MCU e dunque sarà quasi certamente ambientata in uno degli infiniti mondi del Multiverso - tra l'altro serie già rinnovata per una seconda stagione, intitolata Sophomore Year. Tornerà il Daredevil di Charlie Cox, ci saranno un quantitativo incredibile di personaggi ben noti a fare da contorno a questa avventura, ma tale cambiamento di inquadratura del prodotto funzionerà? Ci sarà tempo e modo per discuterne approfonditamente.

Zombie e mutanti

Su Marvel Zombies è stato in realtà detto piuttosto poco, a parte confermare un'altra stratosferica mole di personaggi che vedremo zombificati o meno - o, come nel caso di Ikaris, una sorta di via di mezzo. Il poco detto, però, ci ha fatto sinceramente esultare e non poco, in quanto è stato confermato il rating della serie: Marvel Zombies sarà la prima serie dei Marvel Studios ad essere vietata ai minori di 18 anni. E non poteva essere altrimenti, era impensabile realizzarla con gli stessi limiti visivi e tematici che avevano già in buona parte castrato gli zombie nell'episodio di What if...? (vi rimandiamo alla nostra recensione di What if...? 1x05) a loro dedicato.

Era un passo necessario da compiere e non vediamo l'ora di ammirarne i risultati. Così come non vediamo l'ora di tornare un po' più giovani e farci prendere d'assalto dalla nostalgia con il revival di X-Men ‘97, che sarà un seguito diretto dell'originale e quindi vedrà la squadra di mutanti ora capitanata da Magneto in seguito alla partenza per lo spazio del Professor X. La maggior parte del cast originale tornerà per riprendere nuovi e vecchi ruoli, sono stati confermati diversi villain e alleati mentre lo stile animato sarà sì lo stesso - circa - che i fan conoscono a menadito ma con numerosi restyling dei personaggi.

Chiudiamo, infine, con I Am Groot, la deliziosa serie di corti che vedrà protagonista l'albero senziente dei Guardiani della Galassia, nella sua forma baby. Tra camei già confermati e piccole disavventure con forme di vita aliene, la serie - già rinnovata per una seconda stagione, se così la si può definire - sbarcherà su Disney+ il prossimo 10 agosto.