SANREMO

Sanremo 2020, il gran finale: un trionfo televisivo?

La nostra analisi della serata finale del Festival di Sanremo 2020. Cosa resterà dell'edizione del Festival numero 70?

speciale Sanremo 2020, il gran finale: un trionfo televisivo?
Articolo a cura di

70° Festival della Canzone Italiana: atto finale. Dopo l'ennesima, interminabile e (meno) imprevedibile diretta, si è conclusa poche ore fa l'edizione 2020 di Sanremo. Diodato ha vinto tra i big al termine di una puntata lunga e tratti troppo prolissa, ma è la Televisione a trionfare sul serio, almeno in quest'occasione.

La serata

La trasmissione si apre nel segno della celebrazione dei 100 anni della Banda Musicale dell'Arma dei Carabinieri: inizio istituzionale con l'esecuzione dell'Inno "Canto degli Italiani". Pubblico doverosamente in piedi, lo spettacolo può cominciare. Amadeus conquista la scena ad ampie falcate, il ritmo incalzante vede sfilare tutti e 23 i cantanti in gara, tra un ingresso e l'altro delle donne della serata, ben quattro in questa speciale occasione: Mara Venier, Diletta Leotta, Sabrina Salerno, Francesca Sofia Novello.

Le performance dei big sfilano in rapidità (senza colpi di scena), con loro anche Fiorello e Tiziano Ferro. Sono invece Biagio Antonacci e Vittorio Grigolo i superospiti della finale, che incantano il pubblico con due riuscitissimi medley. Il tutto attraverso una vera e propria forsennata corsa verso la classifica finale, così strutturata prima del televoto conclusivo:

4 Le Vibrazioni
5 Piero Pelù
6 Tosca
7 Elodie
8 Achille Lauro
9 Irene Grandi
10 Rancore
11 Raphael gulazzi
12 Levante
13 Anastasio
14 Alberto Urso
15 Marco Masini
16 Paolo Jannacci
17 Rita Pavone
18 Michele Zarrillo
19 Enrico Nigiotti
20 Giordana Angi
21 Elettra Lamborghini
22 Junior Cally
23 Riky

A questo punto sfida a 3 per la finalissima vera e propria, che vede trionfare Diodato davanti a Francesco Gabbani. I Pinguini Tattici Nucleari si accontentano così del gradino più basso del podio, tra i coriandoli e l'inno dell'Eurovisione che arriva solo alle 2,32.

Amadeus

È il trionfatore assoluto del Festival, senza se e senza ma. Il terzino che diventa bomber dentro uno spettacolo che in molti fanno finta di snobbare, ma che in realtà sono (quasi) tutti a guardare.

Superati i problemi con le gaffes della vigilia, ha praticamente azzeccato tutte le scelte di una direzione artistica considerata dai più un azzardo. Il leoncino d'oro è anche suo!

Fiorello e Tiziano Ferro

Torneranno o no a Sanremo? Questa è la domanda-tormentone che li inseguirà per giorni. La Rai si è già attivata per il corteggiamento, con l'inedita richiesta di un Amadeus-bis a sipario ancora aperto.

Di sicuro c'è che il loro contributo è stato fondamentale per la riuscita del Festival numero 70. Imprescindibili. Lo showman siciliano, in particolare, ha trascinato con intelligenza e simpatia gran parte del Festival, intervenendo nei momenti giusti anche per mitigare le difficoltà e le improvvisazioni giunte di serata in serata.

Mara, Diletta, Sabrina & Francesca

Le quattro donne della serata conclusiva del Festival sono Mara Venier, Diletta Leotta, Sabrina Salerno e Francesca Sofia Novello. La prima, amatissima dal pubblico di Rai 1, è semplicemente una guest-star, protagonista di una fugace partecipazione sul palco.

Sono Diletta e Sabrina a conquistare i momenti di spettacolo, con due esibizioni canore che in molti hanno apprezzato. A telecamere spente possiamo semplicemente ribadire quanto sia stata indovinata la scelta di queste artiste.

I 23 big in gara

Archiviata l'epica lite in diretta tra Morgan e Bugo della serata di venerdì, i 23 big superstiti si affrontano in una gara non così imprevedibile. Il trionfo di Diodato era infatti dato dai bookmakers come altamente probabile, sebbene meritatio. A conti fatti, invece, la vera mancanza del Festival numero 70 è stata quella di una canzone davvero protagonista.

In compenso, però, le stravaganze di Achille Lauro, lo "scippo" di Piero Pelù e la traduzione in simultanea per non udenti del pezzo delle Vibrazioni saranno a lungo materiale su cui discutere. Nel piccolo del mondo della Tv, si intende. Perché, alla fine, è stato il medium a trionfare, tra una nota e l'altra. Lo spettacolo è tornato, fagocitando tutto il resto, nel bene e nel male. Ad ogni modo, comunque, possiamo dire che ci siamo divertiti. Evviva Sanremo!

Festival di Sanremo 2020 La serata finale del 70° Festival della Canzone Italiana è una conferma assoluta del trionfo dello spettacolo televisivo. Cosa resterà di quest’edizione? L'ottima prova professionale di Amadeus, l’imprescindibile talento di Fiorello e Tiziano Ferro e l’indovinata scelta delle 10 donne sul palco dell’Ariston. Ci dimenticheremo, probabilmente, dei pezzi in gara. Ma la kermesse ha trovato nuova linfa vitale, conquistando anche il pubblico dei più giovani.