She-Hulk: un primo trailer tra conferme e dubbi per la serie Marvel Disney+

Il primo trailer di She-Hulk sembra confermare la bontà dell'introduzione di Jennifer Walters nel MCU, ma certi aspetti fanno un po' storcere il naso.

She-Hulk: un primo trailer tra conferme e dubbi per la serie Marvel Disney+
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Si preannuncia un'estate ancora una volta colma di produzioni a tema MCU, che sta tentando di ingranare una volta per tutte la marcia di questa bizzarra Fase 4. Un nuovo ciclo in cui sicuramente siamo lontani dal vederne i risultati concreti e completi, frutto di una direzione molto più accentrata da parte dei Marvel Studios che ha voluto unire in modo più stringente grande e piccolo schermo. Qualcosa l'abbiamo già intravista: in fondo cos'è WandaVision se non un vero e proprio prologo di Doctor Strange nel Multiverso della Follia? E cos'è Loki se non un affascinante collante per qualunque prodotto tratti il multiverso? Sono i primi germogli di ulteriori sperimentazioni, che adesso però sembrano più concentrarsi nell'introdurre la futura generazione di eroi con il trittico Moon Knight (anche se non è chiaro quando e dove potremmo rivedere Marc Spector), Ms. Marvel e She-Hulk.

E proprio riguardo alla cugina di Bruce Banner è stato rilasciato il primo trailer di She-Hulk, serie sottotitolata Attorney at Law e che debutterà su Disney+ il prossimo 17 agosto. Un'anteprima che ci ha fortemente convinto da un lato, perché non fa altro che ricordarci le peculiarità del personaggio ad ogni inquadratura o quasi, ma che ha già destato parecchi dubbi e discussioni sul web.

Un personaggio perfetto per l'MCU

Di base il trailer è in fondo molto - forse anche troppo - semplice: vuole soltanto presentarci il personaggio di Jennifer Walters (Tatiana Maslany), appunto cugina del ben più noto Bruce Banner, a.k.a. Hulk (Mark Ruffalo), e avvocatessa di professione. La sua vita, già di per sé ardua per i vari tentativi di farsi strada e un nome nel machiavellico sistema giuridico americano, è infatti destinata a complicarsi ancora di più poiché, a causa di un incidente (giusto intravisto nel trailer), è costretta a dover ricevere una trasfusione di sangue proprio da Bruce e, di conseguenza, a dover convivere con poteri simili a quelli di Hulk. O simili fino ad un certo punto, in quanto l'eccezionalità di Jennifer consiste nel riuscire a controllare la trasformazione, eliminando quindi la maggioranza dei dissidi e conflitti interiori che hanno caratterizzato l'esistenza supereroistica di Banner per dare vita ad un insieme molto più leggero, scanzonato, che non si è mai voluto prendere troppo sul serio.

Un'aggiunta sulla carta perfetta per l'MCU attuale, senza forzare eccessivamente delle battute fuori luogo, ed è questo preciso aspetto del trailer a farci ben sperare, che sembra cogliere con rara naturalezza e semplicità l'essenza del personaggio, il suo mettere in mostra la natura verde che ormai non può eliminare e con essa divertirsi. Ci sarebbe piaciuto magari qualche sua classica rottura della quarta parete ma, tra scene celebri riprese fedelmente dai fumetti e piccoli graditi riferimenti alle vecchie trasposizioni di Hulk, si può già vedere del cuore.

Dubbi produttivi e non solo...

Sono più che altro due i dubbi che ora ci perseguitano: innanzitutto la CGI davvero mediocre, qualcosa che, contro ogni aspettativa, già emergeva sia in Hawkeye che in Moon Knight, e che in She-Hulk, perlomeno da questo trailer, non convince; si sa già che la post-produzione è ancora in corso e notoriamente alcuni degli effetti visivi restano tra le ultime cose ad essere perfezionate e implementate. Gridare allo scandalo è forse eccessivo, ma un po' di preoccupazione visti anche i precedenti è lecita.

L'altro aspetto importante che il filmato curiosamente ignora è fornirci qualche indicazione sulla trama e in tal senso gli indizi vengono più dal resto del marketing, che ha dipinto She-Hulk come una serie sulle orme di WandaVision per struttura - una comedy quasi pura costituita da 9 episodi da circa mezz'ora - e dal deciso interesse verso il lato lavorativo di Jennifer, una sorta di novella Ally McBeal. C'è dunque la possibilità di vedere dei casi di puntata, con un trama orizzontale che invece dovrebbe concentrarsi su alcuni dei comprimari che il trailer mostra piuttosto velocemente, dal ritorno di Abominio (sempre interpretato da Tim Roth) a Frogman e l'arcinemica Titania (Jameela Jamil). Come tutti questi elementi si sposeranno è un mistero, avremmo preferito qualche accenno più deciso ma è anche vero che era importante far iniziare a parlare di She-Hulk senza oscurare Ms. Marvel.