Speciale Spartacus War of the Damned

Tutto quello che c'è da sapere sulla terza stagione di Spartacus!

speciale Spartacus War of the Damned
Articolo a cura di
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Tra una manciata di giorni il serial Spartacus ritornerà sulle emittenti americane per l'ultima stagione. La resa dei conti, l'unico epilogo possibile per una serie tv ispirata al gladiatore Spartaco che sfidò la Repubblica romana nel 71 a.C.
Lo scorso anno Spartacus Vengeance aveva visto il trace Spartacus fuggire dagli anfiteatri, ingrossare le file dei ribelli e assassinare Glabro, colui che lo aveva ridotto in schiavitù. Tuttavia, la vittoria era stata effimera: sul campo giacevano inermi i corpi di molti personaggi chiave del serial come Lucrezia, Enomao, Mira, Ilizia e Ashur.
Pertanto War of the Damned promette molti nuovi volti, campi di battaglia maggiorati e un intreccio narrativo che galopperà sino alla morte del protagonista.
In attesa del primo episodio che sarà trasmesso sul network Starz il 25 Gennaio ripercorriamo la storia finora, introduciamo alcuni nuovi aspetti dell'imminente stagione e concludiamo con alcune curiosità per la gioia dei fan.

SPOILER ALERT: essendo un seguito diretto, War of the Damned riparte dalla conclusione di Vengeance, ragion per cui la lettura del seguente articolo è sconsigliata a quanti non abbiano ancora terminato la visione!

The story so far

Spartacus e la moglie Sura vivono in Tracia. Dopo aver combattuto a fianco dei romani guidati dal pretore Glabro, entrambi sono ridotti in schiavitù e deportati fino in Italia. Lui combatterà come gladiatore per il lanista Batiato sino a diventare il campione di Capua, lei dopo varie peripezie morirà tra le braccia dell'amato. Si scoprirà che lo stesso Batiato ha ordito l'omicidio, spronando così Spartacus a ribellarsi insieme agli altri gladiatori dando inizio ad una massiccia rivolta che coinvolgerà l'intera Campania.
A fronteggiarlo tornerà lo stesso Glabro alla guida di un'intera legione. Egli sarà spietato e ricorrerà a qualunque mezzo pur di sbaragliare il gruppo di ribelli. Spartacus dovrà così al tempo stesso agire affinché la sua vendetta si compia, ma anche ergersi a capo carismatico dell'esercito di schiavi che inizia a seguirlo.
E mentre sale l'attesa per lo scontro finale, Glabro deve guardarsi bene dal facoltoso suocero Albino che lo accusa dei continui insuccessi, mentre Spartacus dovrà tenere a bada due uomini alfa come Gannicus e Crisso. La battaglia finale vedrà i ribelli arroccati sul Vesuvio, mentre i romani occupare un tempietto alle sue pendici: l'assalto frontale vedrà uomini da entrambe le parti soccombere e lasciare molte cose in sospeso in vista della terza stagione...

Cosa aspettarsi da Spartacus War of the Damned?

"Gli eventi ripartiranno circa sei mesi dopo la conclusione di Vengeance - racconta lo sceneggiatore Steve S. DeKnight - L'esercito di Spartacus è cresciuto di più in dimensioni di quanto la storia racconta. Così, invece di un centinaio di persone, ha migliaia di persone ora. E ha inflitto un sacco di danni alla Repubblica". Storicamente molti generali romani sono stati inviati per sconfiggerlo e tutti si sono dovuti prima o poi ritirare; l'ultimo, colui che potrà appenderlo alla croce lungo la via Appia, sarà Marco Licinio Crasso.
In War of the Damned sarà solamente lui al comando di 8 legioni ad affrontare Spartacus e il suo esercito: vivremo gli intrighi tanto della sua lussuosissima domus, popolata da schiavi che vedono con favore la rivolta, quanto sul campo di battaglia. A fianco di Crasso ci sarà nientemeno che un giovanissimo Giulio Cesare, il quale insieme a Pompeo e allo stesso Crasso nel 56 a.C. formarono il primo triumvirato; Tiberio, il primogenito di Crasso, cercherà in tutti i modi di ostacolare Cesare e metterlo in cattiva luce.

Nel campo dei ribelli la situazione non è meno tesa. Spartacus deve provvedere all'incolumità di quanti si sono radunati al suo esercito, mentre nel frattempo soffre ancora per la morte di Mira, la donna con la quale aveva una relazione. Dai trailer sembra che abbia comunque trovato una deliziosa consolazione...
Crisso riconosce ormai la sua piena leadership e lo sosterrà pienamente fino alla fine, così come farà la sua compagna Naevia che già in Vengeance si era dimostrata una valida combattente. Gannicus di contro manterrà il suo carattere da uccel di bosco: è un anti eroe, non riconosce affatto l'autorità di Spartacus pur dimostrandosi leale con i compagni in battaglia. Ha una tresca amorosa con la disinibita Saxa, ma a quanto pare cinguetterà anche attorno una bella brunetta di nome Sybil, una schiava da lui liberata.
La filosofia del bigger and better adornerà gli scontri campali, mai così imponenti. Ci saranno diverse occasioni in cui i due eserciti si sfideranno apertamente: una battaglia sembra svolgersi mentre imperversa una tormenta di neve, con tanto di cadaveri congelati al termine; la cavalleria sarà un reparto presente in ambedue le parti contendenti, ma solo i romani dovrebbero schierare catapulte e terrorizzare con crocifissioni lungo le vie principali.
E il finale? La morte di Spartacus "non è diversa dalla storia del Titanic. Non è un grande segreto la barca affonderà - racconta lo sceneggiatore Steve DeKnight - E' come ci si arriva che deve colpire gli spettatori [...] Marco Crasso è colui che ha sconfitto Spartacus o ucciso in battaglia oppure catturato e crocifisso a seconda di quale storia voi leggiate. In ogni caso saluteremo i nostri fan con un bel pugno nello stomaco. L'episodio finale è entusiasmante e stimolante. Mi sono commosso fino alle lacrime in sala di montaggio".

Curiosità dal set...e fuori

In attesa della recensione del primo episodio, vi segnaliamo alcune curiosità di Spartacus War of the Damned:

  • la terza stagione è stata ufficialmente presentata al San Diego Comic Con dello scorso Luglio. In questo articolo abbiamo riassunto i punti essenziali della conferenza stampa e del successivo Q&A, ma potete ugualmente optare per una visione integrale del panel.
  • gli attori di Spartacus sono anche comparsi in recenti blockbuster cinematografici. Manu Bennet (Crisso) ha indossato la tuta del motion capture per calarsi nei panni dell'orco Azog ne Lo Hobbit: Un viaggio inaspettato. Peter Jackson della sua interpretazione ha detto: "E' stato fantastico! Ha lo spirito di un guerriero".
    Cynthia Addai Robinson (Naevia) reciterà in Star Trek Into Darkness. Il suo personaggio lo si intravede già nel trailer d'annuncio.
  • Ubisoft ha annunciato la pubblicazione di Spartacus: Legends, picchiaduro all'arma bianca all'interno di arene gladiatorie. Il videogioco uscirà in digital delivery su Xbox 360 e Playstation 3 secondo la formula del free-to-play.
  • gli attori hanno ammesso che recitare nella terza stagione è stato assai più faticoso che nelle precedenti. Pertanto hanno fatto ricorso in molteplici occasioni al team di stuntman come dimostra questo curioso making of.
  • per ingannare l'attesa vi andrebbe di ascoltare un brano della colonna sonora? Eccovi serviti!
  • la prestanza fisica degli attori coinvolti è tale che si sono guadagnati interviste e shoot fotografici nelle più importanti riviste di fitness. Ma forse a voi maschietti interesserà di più l'articolo dedicato alle donne di Spartacus War of the Damned su Maxim!