Star Wars, da Ahsoka a Obi-Wan: tutte le serie TV annunciate da Disney

Dopo un anno difficile, la Disney ha mostrato all'Investor Day perché è leader dell'intrattenimento e Star Wars ha un futuro ricco e si spera roseo.

Star Wars, da Ahsoka a Obi-Wan: tutte le serie TV annunciate da Disney
Articolo a cura di

È stata una nottata intensa e particolarmente insonne per i fan di Star Wars, è inutile negarlo. Durante l'Investor Day la Disney ha deciso di mostrare in pieno la straordinaria forza di cui è capace e si è riconfermata leader nel campo dell'intrattenimento, un po' necessaria dopo un anno particolarmente difficile per chiunque.

E per adesso limitiamoci solo all'universo creato da George Lucas: in sostanza è arrivata la conferma definitiva sul fatto che, per diversi anni, il futuro della saga sarà affidato al mondo seriale dopo i notevoli successi che The Mandalorian sta continuando ad inanellare (ma anche al cinema, come dimostrano gli annunci dei film Disney a tema Star Wars e Marvel). Se da un lato, infatti, la parte cinematografica sembra ancora sconnessa - un film sulla Rogue Squadron sembra una trovata carina ma nulla di eclatante - e priva di un vero e proprio progetto a lungo termine, dall'altro il duo Filoni-Favreau e non solo appaiono pronti a sfornare una quantità di prodotti dalla varietà encomiabile.

Serie animate, in live-action, antologie di corti, progetti palesemente più leggeri, attesi ritorni, c'è di tutto. L'unico problema? L'incertezza quasi totale su quando effettivamente potremmo vederli, ma andiamo con ordine.

Dolci ritorni e conferme

Partiamo innanzitutto con le serie che erano già note. Non si può non partire con Obi-Wan Kenobi, forse la più attesa produzione di Star Wars ad oggi e quella che, per certi versi, desta un po' di preoccupazione. Finalmente abbiamo qualche informazione in più: composta da 6 episodi di un'ora, sarà ambientata 10 anni dopo gli eventi de La Vendetta Dei Sith e vedrà ovviamente il ritorno di Ewan McGregor nei panni dell'iconico Jedi, in un periodo della sua vita di cui si sa ancora ben poco oltre ai doveri di protezione del giovanissimo Luke - di cui ci aspettiamo a questo punto almeno un cameo.

Non solo, anche Hayden Christensen riprenderà i panni di Anakin Skywalker nelle vesti di Darth Vader. Questo è un indizio intrigante, poiché chiaramente non avrebbe tanto senso far tornare Christensen per fargli recitare solo una maschera. Qualche flashback inedito? Probabile, ma sarebbe la via più semplice sebbene molto gradita.

L'idea che ci ha sfiorato è, invece, quella di far incontrare maestro e allievo e magari far apparire Anakin in una forma non contaminata dall'incidente su Mustafar, tramite la Forza. Non ci dispiacerebbe affatto e per certi versi sarebbe il giusto commiato di Christensen al ruolo, ma sono solo nostre speculazioni.

Come detto, però, Obi-Wan Kenobi è una serie che preoccupa per la sua produzione problematica, con continui cambiamenti alla sceneggiatura. Speriamo sinceramente che si sia trovata la strada giusta, per una serie dal debutto ancora sconosciuto - non prima della fine del 2021 in ogni caso.

È stato inoltre mostrato un interessante sguardo dietro le quinte dello spin-off di Rogue One, Andor, in cui un emozionatissimo Diego Luna - interprete dell'omonimo protagonista - ci spiega come i lavori stiano procedendo. E per adesso basta davvero vedere l'entusiasmo da bambino di Luna, non esattamente un attore agli esordi, per una serie che lui stesso descrive come la costruzione di una rivoluzione.

Pochissimi altri dettagli sono trapelati: si sa che il telefilm vedrà il ritorno di Alan Tudyk - ormai specializzato in ruoli bizzarri - come il droide K-2SO, che appunto sarà necessariamente un prequel di Rogue One, che arriverà su Disney+ nel 2022 e che forse sarà composta da 12 puntate. Da Andor non vogliamo altro che guerriglia e quei classici valori cui la saga ci ha abituato, come l'onore, la famiglia, il coraggio anche nelle situazioni più disperate.

Addirittura un trailer, invece, per il designato erede di The Clone Wars, ovvero The Bad Batch, che vedrà come protagonisti il gruppo di cloni con diverse mutazioni genetiche introdotti nelle guerre dei Cloni. Il trailer conferma che la serie animata è ambientata post-Vendetta Dei Sith e, pur non sembrando il progetto più ambizioso della LucasFilm, promette molta azione e soprattutto del sano importunare l'Impero.

A livello puramente narrativo non ci aspettiamo niente di straordinario, anzi, ma il poter rivedere quei dilemmi morali risultanti dall'essere un clone in un periodo talmente delicato è stimolante. Anche qui, nessuna data precisa, ma dovrebbe arrivare nella prima metà del 2021.

Tante novità clamorose

Arriviamo una volta per tutte alle novità e qui le speculazioni si sprecano. La tanto rumoreggiata serie in live-action su Ahsoka Tano è realtà e abbiamo sentito distintamente le urla di gioia di tutti i fan di Star Wars. Ahsoka è un progetto a dir poco cruciale per il franchise: rappresenta attualmente il culmine dell'intero operato di Dave Filoni, a partire da The Clone Wars e proseguito in Rebels e The Mandalorian. E, senza voler fare spoiler troppo invasivi, sappiamo quasi per certo grazie all'apparizione della Jedi in The Mandalorian che la serie sarà una sorta di proseguimento diretto di Rebels. Data d'uscita ancora sconosciuta ed è fortunatamente confermato il ritorno dell'eccellente Rosario Dawson nei panni della protagonista. In poche parole, l'hype è incalcolabile. L'altro spin-off di The Mandalorian si chiama invece Rangers Of The New Republic e in breve riprenderà alcune tematiche intraviste nella storyline di Cara Dune, facendo forse un po' di luce su come la Nuova Repubblica fu così fallimentare. Un trio di serie che naturalmente avranno numerosi collegamenti e punti di contatto, ma anche qui informazioni nulle e data d'uscita sconosciuta.

Justin Simien, creatore di Dear White People, sarà chiamato ad occuparsi di Lando, una serie live-action di cui al momento è certo solo il protagonista. E qui già sorge la prima domanda: sarà post-Ascesa di Skywalker con il ritorno di Billy Dee Williams -. improbabile - o un sequel di Solo e quindi interpretato da Donald Glover? Purtroppo non si sa, ma noi caldeggiamo la seconda ipotesi. È difficile per il resto anche solo immaginare di cosa possa trattare, se non che l'avventura e lo humour saranno parti integranti dello show.

Altro progetto che si presenta già molto stuzzicante è invece The Acolyte, un mistery thriller ambientato durante gli ultimi giorni dell'Alta Repubblica, quindi circa 200 anni prima de La Minaccia Fantasma. Ci sentiamo di sottolineare l'importanza di questo progetto, poiché The Acolyte è la prima serie tv che si legherà al nuovo ciclo di Star Wars basato sull'Alta Repubblica, che inizierà con i romanzi nel gennaio del 2021. In breve, The Acolyte, curata da Leslye Headland, è il primo grande sguardo al futuro prossimo del franchise.

Concludiamo con Visions e A Droid Story: il primo, stando alle fonti ufficiali, sarà una serie di corti in stile anime volto a celebrare l'universo di Star Wars come visto da alcuni dei più celebri artisti giapponesi; il secondo una serie - o forse addirittura un film, non è molto chiaro ancora - animata dedicata R2-D2 e C-3PO, quindi un contenuto molto leggero e spensierato, almeno nelle nostre previsioni. Tutti progetti senza neanche un periodo d'uscita.

In chiusura, ci sentiamo di segnalare l'annuncio di Willow, nuova serie che a quanto pare proseguirà le vicende dell'omonimo film del 1988 diretto da Ron Howard e basato su un soggetto originale di George Lucas. Vi starete chiedendo cosa c'entri con Star Wars. Diciamo che ci sono diverse somiglianze tra i due universi e i fan da decenni speculano su questi misteriosi legami. E, pur non portando il logo di Star Wars, chissà se alla fine non ci sia più di qualche contatto...