The Walking Dead: la fine di un'era, come terminerà la serie sugli zombie?

Il 2022 i fan scopriranno come finirà TWD, ma già ora possiamo fare qualche ipotesi al riguardo e rassicurarvi sul futuro del franchise.

speciale The Walking Dead: la fine di un'era, come terminerà la serie sugli zombie?
Articolo a cura di

Si avvicina ormai la fine di un'era: The Walking Dead ha gli episodi contati. L'annuncio è arrivato a sorpresa e fissa sul calendario il 2022 come ultimo anno per lo show creato da Frank Darabont nel 2010. Abbiamo già ripercorso le origini di The Walking Dead e da allora per la serie è stato un decennio costellato di successi e di sfide che hanno portato lo show tratto dai fumetti di Robert Kirkman a dominare i palinsesti delle reti cable, scrivendo così un pezzo di storia della televisione, come dimostrano i migliori momenti di The Walking Dead. Numeri enormi, smorzati negli anni da una qualità altalenante e dall'uscita di scena di Andrew Lincoln, che dal primo episodio aveva rivestito i panni di Rick Grimes, protagonista indiscusso della serie, abbandonata per motivi personali nel 2018, ma senza dire addio al franchise.

Rick Grimes tornerà infatti in tre film spin-off dello show principale, che conta all'attivo anche una serie prequel, Fear The Walking Dead, ed è pronto a dare vita ad un ulteriore costola che prenderà il nome di The Walking Dead: World Beyond. A questo già ricchissimo roster si aggiungeranno, dopo la fine di TWD, anche uno spin-off dedicato a Carol e Daryl, gli unici ormai rimasti dello storico cast della prima stagione. Ma prima di approfondire la situazione e cercare di fare il punto sul futuro di questo amatissimo franchise, c'è una domanda che sovrasta la voglia e l'attesa di nuove avventure: come finirà The Walking Dead?

Dalla carta allo schermo (e ritorno)

AMC ha deciso di puntare tutto sull'undicesima ed ultima stagione, ricordando che il finale di The Walking Dead 10, paradossalmente posticipato a causa della pandemia di COVID-19, vedrà la luce solo ad ottobre di quest'anno e sarà seguito da sei episodi speciali di The Walking Dead nel corso del 2021. L'ultima stagione viene già ufficialmente definita "espansa", data la decisione del network di garantire ventiquattro episodi all'epica conclusione, contro i sedici canonici delle stagioni precedenti - se si esclude la prima - che metteranno la parola "fine" all'amato show nel corso del 2022. Non sappiamo come si congederà la serie principale - il teaser di The Walking Dead 11 punta giustamente tutto sull'epicità dell'evento - ma a tal proposito possiamo fare riferimento alla sua controparte cartacea, che ha concluso il suo ciclo nel 2018. Stiamo ovviamente parlando dell'omonima serie di comics scritta da Robert Kirkman, dalla quale è tratta la serie AMC. La questione non è però così semplice come potrebbe sembrare all'apparenza.

Lo show di Darabont ha sempre cercato di inserirsi nel solco tracciato dal fumetto, ma fin dall'inizio se ne è discostato in maniera tendenzialmente innocua, salvo poi creare vere e proprie realtà narrative parallele, mantenendo in vita personaggi che nei comics avevano già incontrato la loro fine e viceversa.

Purtroppo un elemento che è stato conservato in maniera quasi ortodossa è la poca lungimiranza strutturale di Kirkman, che nel corso degli anni non ha mai lavorato seriamente in termini di world building, spostandosi da un avamposto all'altro, introducendo nuovi personaggi per eliminarne altri e, più in generale, cercando di ambire ad un disegno narrativo da kolossal pur conservando una natura intimista, non riuscendo a bilanciare i diversi elementi.

Le conseguenze di questa traduzione cross mediale sono più evidenti soprattutto nelle ultime stagioni, dove la tensione tra una volontà introspettiva e l'epica corale crea il più delle volte una narrazione ingarbugliata, che si perde in distillati di personaggi confusi e confusionari, posti in un quadro dalle tinte sfocate, la cui prospettiva stenta a palesarsi. Lo show AMC è però riuscito anche ad aggiungere frecce alla sua faretra, soprattutto sul fronte personaggi; con particolare riferimento a Daryl, totalmente assente dal fumetto, e Carol, il cui arco di sviluppo è andato ben oltre il disperato destino a lei riservato tra le pagine dei comics. Le segnalazioni potrebbero continuare, rincarando la dose sul valore aggiunto garantito da interpreti memorabili, come Andrew Lincoln o Jeffrey Dean Morgan (Negan).

D'altro canto, come già accennato, la controparte televisiva ha letteralmente tagliato i ponti con l'opera di Kirkman, eliminando molti personaggi chiave del fumetto che avranno un ruolo di primordine nelle vicende a venire. Stiamo ovviamente parlando di Rick e Carl, ormai un nostalgico ricordo nello show attualmente capitanato da Angela Kang, ma anche di Michonne, che ha lasciato la serie per altri lidi nel corso della decima stagione e che potremmo forse rivedere nei famosi film spin-off dedicati a Rick Grimes o che potrebbe tornare a sorpresa nel gran finale.

Dove tutto finisce (Spoiler Alert)

Sì, perché dopo Negan e i Sussurratori, la macro-narrazione che ora manca all'appello è quella relativa al Commonwealth, una comunità militarizzata e corrotta, che segna il capolinea per i nostri eroi e probabilmente anche per alcuni di voi che non vogliono cadere vittima di qualche spoiler sul fumetto. La leader del Commonwealth, Pamela, dovrebbe infatti dar loro filo da torcere e senza Rick, Carl e Michonne possiamo solo ipotizzare che i loro posti saranno presi da Daryl, Carol e Negan. Resta ancora un'incognita il finale vero e proprio della serie; laddove nel fumetto il commiato riusciva a trasmettere un'epica dolceamara, non sappiamo come gli sceneggiatori dello show ovvieranno alle dinamiche che vedono originariamente protagonisti personaggi defunti, ma supponiamo che, tra le tante ipotesi, anche Judith - altro personaggio televisivo dal potenziale esplosivo - potrebbe infine ritagliarsi una meritata parte nell'epilogo.

Il Commonwealth è già stato inoculato in maniera ipodermica nel corso delle stagioni nove e dieci. Il messaggio captato da Eugene via radio, lo spinge infatti ad intraprendere un viaggio alla ricerca della misteriosa Stephanie, appartenente ad una comunità della quale non si fa il nome, ma che dovrebbe proprio essere quella governata da Pamela, mettendo così in comunicazione le due realtà dello show. L'ultimo episodio della decima stagione dovrebbe inoltre vedere il ritorno di Maggie e la donna potrebbe aver speso parte del suo tempo offscreen proprio nel Commonwealth del quale, nel fumetto, diventerà poi Presidente.

E che dire di Rick, il cui sacrificio nelle pagine finali del comics porterà ad una nuova consapevolezza nella comunità, elevandolo così a leggenda, le cui gesta saranno poi narrate da un Carl adulto alla figlia come storia della buonanotte. E, a condizione che i piani di AMC sui film di Rick Grimes siano a breve termine, potremmo persino vedere il trionfale ritorno del personaggio di Andrew Lincoln. Ma, più verosimilmente, ci piacerebbe che fosse proprio il Negan di Jeffrey Dean Morgan a prenderne il posto, per ottenere quella definitiva redenzione che forse merita davvero.

La fine dello show, il futuro del franchise

Come abbiamo già avuto modo di ribadire, l'eredità di The Walking Dead continuerà. Per il produttore ed ex showrunner Scott M. Gimple questo non è che l'inizio: "abbiamo ancora un sacco di storie emozionanti da raccontare su TWD, e poi, questa fine sarà l'inizio di storie e personaggi nuovi di zecca, volti e luoghi familiari, nuove voci e nuove mitologie. Sarà un gran finale che porterà a nuove premesse. L'evoluzione è alle porte.".

Fear The Walking Dead è ormai una realtà consolidata che continua da sei stagioni e nella quale è stata trasfusa parte del cast secondario della serie principale - nello specifico Austin Amelio (Dwight) e Lennie James (Morgan). The Walking Dead: World Beyond sfrutterà invece un differente approccio, mostrandoci una generazione interamente nata e cresciuta nel mondo post-apocalittico della serie, in un mondo che lotta per la ricostruzione e che è costretto a convivere con gli zombie.

Due sorelle affronteranno insieme a due amici una missione di grande importanza che li porterà a lasciarsi alle spalle la sicurezza della loro comunità per affrontare un mondo insidiato dai vivi e dai non morti, dai quali verranno messi alla prova. Il primo episodio della serie debutterà il 4 ottobre su AMC, subito dopo il finale di stagione di The Walking Dead 10, che in Italia andrà in onda il 5 ottobre su Fox e in streaming su NOW TV.

Altro discorso per i film distribuiti da Universal, che dovrebbero rappresentare il canto del cigno di Rick Grimes. Supponendo che queste pellicole non vedranno la luce prima della fine della serie principale, non sarebbe improbabile che AMC decidesse di puntare su un gigantesco crossover con la partecipazione di gran parte del cast di TWD, ormai libero da vincoli di scheduling. Questo potrebbe gettare luce sul periodo intercorso tra la scomparsa di Rick e l'arrivo di Magna e compagni nello show.

Ipotesi ancor più ambiziosa e interessante, sarebbe quella di rendere questi film una sorta di chiave di volta del Deadverse creato da Scott M. Gimple, incrociando personaggi e timeline da tutte le serie, compresi gli spin-off, fidelizzando così la fan base e spingendo i neofiti alla visione dell'intero catalogo del franchise. Per quanto riguarda ulteriori ipotesi e indiscrezioni, vi rimandiamo al nostro speciale sul ritorno di Rick Grimes.

Ultimo in ordine di annuncio, lo spin-off dedicato ai personaggi di Carol e Daryl potrebbe finalmente garantire il giusto respiro ad un duo di personaggi veramente riuscito, che purtroppo nella serie principale rischia di cadere vittima di micro dinamiche ridondanti e necessiterebbe di una ventata d'aria fresca. E chissà che davvero un indizio sullo spin-off su Carol e Daryl non sia già stato fatto trapelare in un episodio della decima stagione, nel quale Daryl propone alla donna di viaggiare insieme alla ricerca di altre persone, per raggiungere infine il New Mexico.

Una cosa è certa, il motore di questo franchise non si è ancora fermato e, anzi, sembra aver appena ingranato una marcia che lo condurrà ben oltre i confini immaginati dalla serie principale. Nel frattempo non vi resta che attendere la nostra recensione del finale della decima stagione di The Walking Dead.