Marvel

WandaVision: tutto ciò che sappiamo sulla stravagante serie Marvel

Tra le nuove serie annunciate per Disney+, WandaVision è sicuramente la più ricca di elementi bizzarri e misteriosi, tra horror e comedy.

speciale WandaVision: tutto ciò che sappiamo sulla stravagante serie Marvel
Articolo a cura di

Tra il Comic-Con di San Diego, il D23 e i recentissimi teaser di WandaVision e Falcon & Winter Soldier mostrati durante il Super Bowl, la Marvel ha fatto parlare molto di sé, oscurando praticamente quasi ogni altro annuncio ed evento. Un effetto preventivabile quando uno dei leader indiscussi dell'intrattenimento decide di svelare al mondo i suoi prossimi progetti, ovvero la Fase 4 del Cinematic Universe. Una serie in particolare, però, sta catturando sempre più attenzioni per il suo carattere piuttosto bizzarro, nonostante il reveal iniziale fosse passato piuttosto in sordina. D'altronde di prodotti su cui parlare e speculare ne erano giunti in quantità dall'universo Disney, dal telefilm incentrato su Loki al ritorno del Barone Zemo in Falcon And The Winter Soldier, dagli esordi di Moon Knight e She-Hulk alle novità a tema Star Wars. Eppure WandaVision, ad ogni briciolo di informazione trapelata, continua ad incuriosire in maniere impensabili per solo pochi mesi fa.

Il peculiare mix di ispirazioni e suggestioni che i Marvel Studios dichiarano di voler inserire in quest'opera rasenta l'impossibile, e l'attenzione crescente è la dimostrazione ultima di due fatti ormai ben noti al pubblico: prima di tutto che alla Casa delle Idee sanno perfettamente quali tasti toccare in sede di marketing; e soprattutto che la Fase 4, in quanto a creatività, non vuole porsi limiti, almeno su carta.

Un po' di ordine

Ma cerchiamo di fare un po' di ordine. WandaVision, come suggerisce il nome, vedrà come protagonisti Wanda Maximoff e Visione, interpretati rispettivamente dai loro volti storici Elizabeth Olsen e Paul Bettany, e si incentrerà sulla loro relazione, sulla nascita del nome Scarlet Witch e su un misterioso collegamento con il nuovo lungometraggio dedicato a Doctor Strange. È già stato confermato che sarà a tutti gli effetti un seguito di Endgame e debutterà su Disney+ a dicembre di quest'anno. Non siamo neanche arrivati agli elementi stravaganti e qualche dubbio già sorge, visto che Visione dovrebbe essere deceduto dopo i fatti di Infinity War.

Certo, del mondo rimesso a posto per così dire da Tony Stark sappiamo ancora poco, Spider-Man: Far From Home ha solo scalfito la superficie ma non ha ben chiarito tutti gli effetti del sacrificio di Iron Man, né su cosa effettivamente abbia fatto con le gemme dell'infinito - ovvero se semplicemente abbia annullato lo schiocco di Thanos o fatto qualcosa in più. Anche solo dalla premessa, quindi, WandaVision suscita degli interrogativi importanti, che però denotano quanto le nuove serie in cantiere in Marvel Studios vogliano essere legate e interconnesse all'universo principale dei film, altro tasto su cui si sta battendo molto.

Qualcosa potrebbe essere suggerito dal legame deciso - WandaVision a quanto pare sarebbe proprio un prequel - con Doctor Strange In The Multiverse Of Madness: sappiamo che lo stregone interpretato da Benedict Cumberbatch ha un rapporto particolare con la gemma del tempo, e magari la soluzione spunterà proprio in questo dettaglio. Una speculazione talmente basilare che però scatena definitivamente la ruota delle eccentricità, a partire dall'atmosfera generale.

In The Multiverse Of Madness, d'altronde, è stato apertamente presentato come il primo film horror del MCU e allora sembra scontato immaginare che in WandaVision siano presenti elementi tipici dell'orrore. Al contempo la serie sarà, per forza di cose, una commovente storia d'amore, nonché di formazione e maturazione di Scarlet Witch, e l'intruglio assume tratti paradossali.

Un mix all'apparenza impossibile

Il colpo di grazia è stato inferto lo scorso agosto al D23, quando è stato mostrato uno spezzone del celebre Dick Van Dyke Show, storica sitcom statunitense dei primi anni 60, per far comprendere al pubblico che tipo di umorismo si potrà ritrovare in WandaVision. Si, elemento fondamentale del telefilm sarà un humour anni 50-60, da sitcom familiare vecchia scuola, che potrebbe essere legato all'ambientazione, come suggerirebbe il teaser stesso.

Le poche inquadrature lasciano infatti intravedere una quantità di suggestioni, stili ed ispirazioni fuori scala, con continui cambi cromatici e qualche timido spoiler - tra cui il costume classico di Scarlet Witch e una famiglia allargata.

Fin dall'annuncio si è sempre vociferato che le vicende potessero avere luogo negli anni ‘50 e le immagini vanno effettivamente in questa direzione. Il raccordo con Doctor Strange 2 e il resto del cast in apparenza contraddirebbe un tale setting: tra i personaggi confermati, dopotutto, sono presenti sia alcuni ritorni come l'agente Jimmy Woo (Randall Park, visto in Ant-Man And The Wasp) e Darcy Lewis (Kat Dennings, nel franchise di Thor) sia una relativa new entry come Monica Rambeau, che abbiamo conosciuto da piccola in Captain Marvel e la cui versione adulta sarà interpretata da Teyonah Parris. Con un cast del genere è improbabile la scelta di un set così anacronistico con la continuity, eppure il teaser è chiaro su questo versante.

Ma è esattamente qui il bello di Wandavision, un progetto dalle mille sfaccettature e ispirazioni, una storia d'amore horror con elementi comici e da racconto di formazione e un collegamento diretto con un lungometraggio del MCU. Una follia meravigliosa su cui speriamo di apprendere di più a breve, senza rovinare del tutto il mistero. Per quello ci sarà quasi certamente l'autunno del 2020.