In che anni è ambientato La regina degli scacchi? Tutto sulla cronologia della serie

In che anni è ambientato La regina degli scacchi? Tutto sulla cronologia della serie
di

Abbiamo tutti amato la miniserie La regina degli scacchi, prodotto tra i più belli mai usciti su Netflix e che ha stupito per una qualità straordinaria della regia, della fotografia e della recitazione. Nonostante sia molto difficile, abbiamo comunque provato ad analizzare le ragioni che potrebbero portare Netflix a rinnovare La regina degli scacchi per una seconda stagione, sperando che ciò accada, anche se non ci illudiamo.

Comunque vada, la popolarità dello show con Anya Taylor-Joy come protagonista sembra non esaurirsi mai, come testimoniano i nuovi fantastici Funko Pop! di Beth Harmon della serie TV The Queen's Gambit. Mentre abbiamo scoperto che Anya Taylor-Joy è arrivata a confondere le proprie emozioni con quelle di Beth Harmon durante le riprese de La regina degli scacchi, oggi vogliamo tornare a parlare della miniserie per presentarvi la cronologia ufficiale di The Queen's Gambit, pensata per coloro i quali non si ricordassero gli anni in cui è ambientata.

L'infanzia di Beth

La serie de La regina degli scacchi inizia il 25 luglio 1957: in quel momento Beth (interpretata da Isla Johnston per quanto riguarda la bambina Beth) ha 8 anni (essendo nata il 2 novembre 1948), quando arriva all'orfanotrofio Methuen Home. Lì farà amicizia con Jolene (Moses Ingram), una figura che più avanti nella sua vita si rivelerà fondamentale e, nello stesso periodo, scoprirà l'amore per il gioco degli scacchi grazie agli insegnamenti del custode dell’orfanotrofio, il signor William Shaibel (Bill Camp). Inoltre, farà anche la sua prima esperienza con la dipendenza dalle pillole tranquillanti, evento che segnerà gran parte della sua esistenza. Lascia Methuen Home nel 1963, adottata dalla famiglia Wheatley.

L'adolescenza e la crescita

Il primo importante torneo a cui partecipa Beth (la cui interprete, nel frattempo, con la crescita della protagonista è diventata Anya Taylor-Joy) è il Kentucky State Championship, proprio del 1963: all'epoca, la ragazza ha 15 anni, e conosce due importanti personaggi, ovvero Harry Beltik (Harry Melling) e D.L. Townes (Jacob Fortune-Lloyd). Sempre del 1963 sono anche i tornei di Cincinnati, dove avviene il primo incontro con Benny Watts (Thomas Brodie-Sangster), quello di Pittsburgh e quello di Houston. Nel 1966 Benny e Beth si affrontano all'U.S. Open di Las Vegas, vincendolo a pari merito, dopo che Benny ha sconfitto Beth: il ragazzo, tuttavia, aveva pareggiato due partite in precedenza nel torneo, e quindi ha lo stesso punteggio di Beth. Ancora del 1966 è il torneo Mexico City Invitational, dove viene sconfitta da Vasily Borgov (Marcin Dorociński) per la prima volta. Lo stesso giorno, avviene anche la tragica scomparsa della madre adottiva di Beth, Alma Wheatley.

Verso la grande vittoria

Durante gli U.S. Championship in Ohio, nel 1967, Beth riesce a vincere il titolo di campionessa degli Stati Uniti sconfiggendo Benny, facendogli perdere la carica di co-campione. Da questo momento in poi, tra i due inizierà una collaborazione professionale e una profonda amicizia. Durante l'Invitational di Parigi, sempre del 1967, Beth (ormai al limite della propria vita sregolata) perde per la seconda volta consecutiva contro Borgov. Dopo aver saltato i campionati del Kentucky nel 1968, finalmente per Beth arriva il momento del cambiamento e della redenzione. La ragazza decide di abbandonare gli eccessi, e all'Invitational di Mosca, alla fine del 1968, Beth riesce a sconfiggere tutti i suoi demoni e, con essi, il grande rivale Borgov, che arriva addirittura a riconosce il valore della giovane scacchista.

Come possiamo dunque comprendere, la serie copre l'arco di poco più di un decennio, dal 1957 al 1968, che ha trasformato Beth da una ragazzina prodigio che vive in un orfanotrofio alla più grande scacchista del mondo, concludendo un ciclo semplicemente perfetto.

Prima di passare ai commenti, vi lasciamo la nostra recensione della miniserie Netflix de La regina degli scacchi. Ora è il vostro turno: conoscevate la cronologia completa de La regina degli scacchi? Per farcelo sapere, come sempre, basta un commento nello spazio a essi dedicato che noi leggeremo e al quale risponderemo con grande piacere!

Quanto è interessante?
3