Arrow 6: quanto ancora durerà il nuovo status quo di Oliver e Diggle?

di

I recenti eventi cui abbiamo assistito nell’attuale stagione di Arrow hanno costretto Oliver Queen/Green Arrow (Stephen Amell) a prendere una decisione importante che influenza tutto il team. Ma quanto ancora il supereroe riuscirà a stare lontano dal proprio arco?

Affinché suo figlio William non rischi di perdere un altro genitore, Oliver difatti ha ceduto la faretra al compagno di squadra John Diggle/Spartan (David Ramsey), che già in passato aveva dovuto vestire i panni dell’arciere per depistare i sospetti che la polizia nutriva sul ‘Signor Queen’.

Intervistato da Entertainment Weekly, Ramsey ha rivelato che non indosserà ancora per molto il cappuccio dell’arciere. Queste le sue parole: “No. No, è Green Arrow. Stephen Amell è Green Arrow. [Questa situazione] non durerà. Certo che no. Ma trovo che questa svolta sia molto interessante. È una deviazione piuttosto curiosa.

Ramsey ha poi spiegato le ragioni di questo cambio al vertice e cosa esso comporti per il personaggio di Amell: “Ci darà del tempo con Oliver. […] Stanno accadendo diverse cose fra Oliver e Deahstroke, fra lui e suo figlio, e persino con Felicity. È fantastico. Credo che terrò il cappuccio per qualche episodio. Una quantità di tempo appropriata, insomma.

Come i fan più attenti già sapranno, il personaggio ha riportato una brutta ferita e persino un disturbo post-traumatico dopo l’esplosione avvenuta lo scorso anno su Lian Yu, ma il resto del Team Arrow, fatta eccezione per la nuova Black Canary, non è ancora a conoscenza dei suoi recenti problemi. Stando a quanto dichiarato dall’attore, le limitazioni fisiche del personaggio diverranno però pian piano lampanti anche al resto della squadra, e di conseguenza Diggle dovrà cercare di nasconderle come potrà, inventando una scusa dopo l’altra.

L’episodio di ieri notte, intanto, ha visto esordire una nuova introduzione da parte di Oliver Queen. Ve la riportiamo di seguito, opportunamente tradotta in italiano.

Il mio nome è Oliver Queen. Dopo aver trascorso cinque anni all’inferno, sono tornato a casa con un unico scopo: salvare la mia città. Ma non ho potuto onorare quell’impegno e al contempo mantenere la promessa fatta alla madre di mio figlio. Per questo ho chiesto aiuto all’uomo migliore che io conosca. Il suo nome è John Diggle, e lui è Green Arrow.

Non è chiaro perché la suddetta introduzione sia stata effettuata da Amell e non da Ramsey stesso, ma il fatto che i produttori abbiano voluto cambiare addirittura il monologo iniziale lascia presupporre che il nuovo status quo dei due personaggi potrebbe durare per tutta la prima parte della stagione, o quantomeno fino all’imminente crossover annuale con le altre serie dell’Arrowverse.

La scena finale dell’episodio, infine, ha visto Diggle comprare una droga non meglio specificata e iniettarsela pochi istanti dopo, ponendo fine al tremolio che da qualche tempo affligge la sua mano destra. I fan non si sono lasciati scappare questo dettaglio e subito hanno collegato l’episodio alla più memorabile fra le storie cartacee di Roy Harpe/Arsenal, personaggio interpretato nel serial da Colton Haynes.

Nel fumetto uscito nei lontani anni ’70 e intitolato “Green Lantern/Green Arrow: Hard-Traveling Heroes”, il personaggio iniziò infatti ad assumere droghe dopo che Oliver l’aveva lasciato solo per mettersi in viaggio con l’amico Hal Jordan/Lanterna Verde. Questa tremenda abitudine, inoltre, avrebbe costantemente messo a dura prova il personaggio fino alla morte della figlia avvenuta nella nota storia intitolata “Justice League: Cry for Justice”. Che i produttori di Arrow si stiano dunque ispirando a quelle vecchie storie per gli eventi futuri che vedranno protagonista il caro Diggle?

FONTE: Comic Book
Quanto è interessante?
4