Un attore di Tredici difende la prima stagione dalle accuse

Un attore di Tredici difende la prima stagione dalle accuse
di

Hanno tenuto banco negli ultimi tempi le polemiche scatenate dalla scelta di Netflix di rimuovere dalla prima stagione della popolare serie Tredici una delle scene più significative, ritenuta troppo forte e a rischio emulazione tra i più giovani.

Si tratta, come in molti ricorderanno o avranno capito, della scena del suicidio di Hannah Baker, momento chiave di tutta la stagione e sicuramente dal forte impatto emotivo, per la mancanza assoluta di poesia ed edulcorazione nella resa del tragico gesto della ragazza.

La scelta di eliminare la sequenza ha dunque scatenato polemiche sia da parte dei fan che del cast stesso della serie. L'ultimo ad intervenire è stato Christian Navarro, interprete di Tony Padilla: "Questa cosa mi disturba, noi di 13 abbiamo sempre lavorato diligentemente per cercare di mandare un messaggio positivo ai più giovani. Ora a causa di una sola scena il nostro show viene infangato, e tutti i detrattori lanciano frecce al nostro lavoro fatto con amore. Da allora abbiamo fatto ciò che ci sembrasse più responsabile e abbiamo rimosso la scena. Da artista è una scelta molto difficile da fare, ma l'abbiamo fatto. Da quando la nostra serie ha esordito miriadi di show, uno in particolare, sono venuti fuori affrontando il tema delle scuole superiori. Non ho visto queste serie. Ma ho saputo da alcuni amici che il loro contenuto è più rischioso e più crudo di quanto il nostro show sia mai stato. Buon per loro. Eppure il vetriolo sembra venire soltanto nella nostra direzione" ha scritto l'attore su Twitter.

Nella terza stagione di Tredici, la cui uscita è stata da poco annunciata da Netflix, sarà invece la morte di un altro personaggio ad attirare su di sé l'attenzione. La serie, inoltre, è appena stata rinnovata a sorpresa per una quarta ed ultima stagione.

Quanto è interessante?
2