Netflix

Better Call Saul 6, Bob Odenkirk sul finale: "Gli ultimi due episodi cambieranno tutto"

Better Call Saul 6, Bob Odenkirk sul finale: 'Gli ultimi due episodi cambieranno tutto'
di

L'episodio di oggi e quello in uscita fra una settimana e Better Call Saul, così come l'arco narrativo di Jimmy McGill e di Saul Goodman allo stesso tempo. Tutti i nodi vengono al pettine e Bob Odenkirk anticipa (senza spoiler) che farà i conti con i demoni di entrambe le identità, fungendo da chiusa, in un certo senso, anche a Breaking Bad.

Ormai ci siamo e il grosso che doveva essere spiegato ha trovato infine risposta. Tranquilli, ve lo diciamo fin da subito: questo articolo non contiene spoiler. Possiamo solo dirvi che ormai la serie prequel di Breaking Bad ha esaurito quasi tutto il materiale che doveva preparare il personaggio di Bob Odenkirk alla versione che abbiamo imparato a conoscere nella serie madre di Vince Gilligan. Gran parte delle domande hanno trovato risposta, soprattutto quelle riguardanti i personaggi inediti introdotti dal prequel e perché, poi, non li ritroviamo in Breaking Bad. La transizione da Jimmy McGill a Saul Goodman, avvocato senza morale e senza scrupoli, molto diverso da quello che ci era stato presentato all’inizio del prequel, è conclusa.

Ora non resta che raccogliere le conseguenze del proprio arco, sia per Jimmy che per Saul. Ora, dopo un salto temporale che tenga conto anche degli eventi di Breaking Bad – soprattutto dopo l’ultima puntata crossover di Better Call Saul, trovate qui la nostra recensione dell’episodio – non resta che guardare ai flashforward in bianco e nero. All’esilio di McGill a Omaha dopo i fatti di BB, con Saul Goodman pronto a fare i conti con i propri demoni e a tornare, in un certo senso, il Jimmy di una volta. Questo, né poco né troppo, ci anticipano le ultime parole di Bob Odenkirk prima della fine.

Per l’occasione, considerata la portata di questo finale, che va a chiudere una delle serie meglio recensite degli ultimi anni – un vero capolavoro del piccolo schermo – Odenkirk ha parlato direttamente con Deadline. E questo è quanto ha rivelato: “Ho scoperto che Saul è un personaggio molto più facile da interpretare rispetto a Jimmy. Negli ultimi due episodi, diventa di nuovo un personaggio molto più ricco. Non si nasconde più dietro quella facciata che si è costruito con Saul e in realtà sta affrontando i demoni dentro di lui negli ultimi quattro episodi della stagione”. Voi siete pronti? Ditecelo nei commenti!

FONTE: Deadline
Quanto è interessante?
1