Better Call Saul, Giancarlo Esposito in una docu-serie ispirata al mondo di Breaking Bad

Better Call Saul, Giancarlo Esposito in una docu-serie ispirata al mondo di Breaking Bad
di

Lo abbiamo visto, prima in Breaking Bad e poi in Better Call Saul, nei panni di Gus Fring, flemmatico leader del narcotraffico. In attesa della stagione finale dello spin-off, nel mese di luglio Giancarlo Esposito ci accompagnerà in una docu-serie che racconterà storie vere, ma che sembrano partorite dalla fantasia degli autori delle due fiction.

Giovedì 9 luglio, infatti, è in arrivo sul sito AMC.com The Broken and The Bad, una serie di cortometraggi digitali, secondo la descrizione ufficiale, "ispirati ai personaggi, alle situazioni e ai temi più memorabili dell'universo di Better Call Saul e Breaking Bad, e focalizzati sulle storie del mondo reale che rispecchiano i mondi immaginari dei due show."

Giancarlo Esposito sarà una sorta di conduttore e voce narrante, presentando i vari episodi che esploreranno "la psicologia di sicari e artisti della truffa, l'economia del traffico di droga" e che, tra le altre cose, condurranno lo spettatore "nell'unica città in America dove si può vivere in pace con la sensibilità elettromagnetica", patologia di cui, come si ricorderà, soffre Chuck, il fratello di Jimmy McGill / Saul Goodman (Bob Odenkirk).

La giornata del 9 luglio sarà interamente dedicata dal network al franchise creato da Vince Gilligan. Dalle 9 del mattino, infatti, AMC proporrà anche una maratona Better Call Saul, riproponendo tutti gli episodi della quinta stagione, accompagnati da contenuti bonus e interventi di Bob Odenkirk e Rhea Seehorn.

I fan di Better Call Saul, intanto, si chiedono se nella stagione finale torneranno Walter White e Jesse Pinkman, protagonisti di Breaking Bad.

FONTE: comicbook
Quanto è interessante?
1