Better call Saul, tutte le volte che i graffiti di Jesse sono apparsi nello spin-off

Better call Saul, tutte le volte che i graffiti di Jesse sono apparsi nello spin-off
di

Quando Breaking Bad è terminata nel 2013, i fan non sono rimasti orfani troppo a lungo e hanno colmato il vuoto con il suo spin-off Better Call Saul che ha nascosto tantissimi easter egg nel corso delle stagioni in omaggio alla serie madre.

Breaking Bad è stata una delle più grandi serie televisive mai realizzate, targata AMC, l'avvincente e contorta storia dell'ascesa e dell'inevitabile caduta di Walter White (Bryan Cranston) come criminale ha appassionato il pubblico di tutto il mondo per cinque stagioni. Tuttavia, la fine di Breaking Bad non ha segnato la fine delle storie in questo universo.

Co-creato da Vince Gilligan e Peter Gould, lo spin-off Better Call Saul vede Bob Odenkirk riprendere il suo ruolo di avvocato Saul Goodman...o meglio, la serie ci mostra Jimmy McGill mentre si trasforma in Saul Goodman.

Ambientato alcuni anni prima degli eventi di Breaking Bad, lo spin-off si aggiunge all’universo dello squallido mondo criminale di Albuquerque. Ciò significa anche che è pieno di riferimenti nascosti alla serie principale, per non parlare di indizi sul passato, presente e futuro di Jimmy/Saul.

Oggi vogliamo parlarvi dell'easter egg che riguarda Jesse Pinkman (Aaron Paul), che ha lasciato il segno ovunque andasse a quanto pare. Gilligan ha sempre affermato che Walter White e Jesse Pinkman non appariranno in Better Call Saul, ma questo non significa che non esistano.

Prima di produrre metanfetamine in Breaking Bad, Jesse Pinkman era un adolescente problematico e ribelle. Più o meno Better Call Saul è ambientato in quel periodo della sua vita e ce lo dimostrano i vari graffiti in cui ci imbattiamo nello spin-off.

Come potete vedere nell’immagine in calce alla notizia, all'esterno di una cabina telefonica che Jimmy usa nel terzo episodio di Better Call Saul intitolato Nacho, possiamo notare la scritta “JPi" che è stata quasi certamente lasciata da un giovane teppista di nome Jesse.

Il co-creatore di Better Call Saul, Peter Gould, lo ha più o meno confermato, dicendo che l'idea non era nella sceneggiatura dello show, ma che "a volte le persone nel dipartimento artistico o sul set aggiungono qualcosa". E questa aggiunta non può che aver reso felici i fan, sempre alla ricerca di collegamenti con Breaking Bad.

Il graffito ricompare anche nel sesto episodio della prima stagione intitolato Poliziotti (Five-O), in un bagno utilizzato da Mike Ehrmantraut (Jonathan Banks).

Originariamente però il graffito è comparso per la prima volta nel settimo episodio della quarta stagione di Breaking Bad intitolato Un cane difficile (Problem Dog), proprio a casa di Jesse.

Avevate mai fatto caso a questo dettaglio nascosto in Better Call Saul? Fatecelo sapere nei commenti!

Intanto, Bob Odenkirk è tornato sul set della sesta stagione di Better Call Saul dopo il malore che lo aveva colpito, in precedenza aveva affermato che vedremo dei momenti di follia in Better Call Saul 6, stagione finale della serie che dovrà fornire moltissime risposte ai fan.

Quanto è interessante?
2
Better call Saul, tutte le volte che i graffiti di Jesse sono apparsi nello spin-off