Breaking Bad, Dean Norris voleva un destino diverso per Hank

Breaking Bad, Dean Norris voleva un destino diverso per Hank
di

Hank Shrader, interpretato da Dean Norris per cinque stagioni in Breaking Bad, è stato uno dei personaggi più apprezzati dal grande pubblico. Norris avrebbe voluto un finale ben diverso per il suo Hank, ma il creatore Vince Gilligan non ha avvallato la sua idea.

Non si può negare che la morte di Hank nella quinta stagione sia uno dei momenti più strazianti della serie AMC. Nonostante l'ultimo tentativo di Walter White (Bryan Cranston) di salvare suo cognato, le sue azioni alla fine fanno uccidere il povero Hank. Questo è un importante punto di svolta per il personaggio di Walt proprio mentre Breaking Bad si avvicina ai suoi episodi finali. Norris tuttavia aveva chiesto al creatore della serie Vince Gilligan di uccidere il suo personaggio prima dell’episodio intitolato Ozymandias.

L’attore ha apportato le sue qualità ad Hank che sotto la direzione creativa di Gilligan è diventato uno dei più apprezzati anche se ha ostacolato i piani di Walter (o ha tentato di farlo). Il momento in cui capisce che suo cognato è Heisenberg resterà per sempre tra le scene più iconiche dell’intero show, a tal proposito scoprite quali sono le 5 scene cult di Breaking Bad che non dimenticheremo mai.

Anche Norris era molto affezionato ad Hank, ma si sa che il mondo dello spettacolo può essere spietato e soprattutto alcune occasioni possono passare con un pessimo tempismo. Come riporta IMDb, a Norris è stata offerta l'opportunità di dirigere una sitcom poco prima dell'ultima stagione di Breaking Bad. Considerando il suo ruolo, Norris ha chiesto a Gilligan di uccidere Hank durante le prime otto puntate dell’ultima stagione, ma lo showrunner ha respinto l’idea.

Proprio come Norris aveva le sue ragioni per voler abbreviare il suo tempo nei panni di Hank, Gilligan aveva le sue ragioni per rifiutarsi di cambiare l'arco narrativo del personaggio. Il creatore di Breaking Bad ha pianificato il destino di Hank per anni e cambiare all'ultima curva avrebbe stravolto il suo progetto per la quinta stagione. Norris ha ricordato di aver chiesto a Gilligan di uccidere Hank durante un'apparizione su CBS This Morning: “Ho detto, 'Sarebbe interessante se Hank morisse nei primi otto episodi?' Hanno detto: 'No, abbiamo bisogno di te per gli ultimi otto. Lo abbiamo costruito negli ultimi cinque anni '. Ovviamente, sono contento che lo abbiano fatto."

Lo sviluppo di Walter e Hank è sempre andato in parallelo, semplicemente non avrebbe avuto senso se i loro destini non si fossero intrecciati fino alla fine. Sarebbe stato anche difficile dare ad Hank l'addio che meritava e chiaramente Norris non è scontento della decisione di Gilligan di tenere Hank fino alla fine. Durante un'intervista con The Hollywood Reporter, Norris ha ammesso che la scena della morte di Hank gli ha permesso di dire addio al suo personaggio e ai suoi colleghi come si deve: “Stavo finendo lo spettacolo, stavo dicendo addio a Bryan Cranston. In realtà, tutto è tornato nel ciclo della scena perché Hank stava anche dicendo addio a Walt.” Col senno di poi, è una buona cosa che Gilligan non abbia alterato il destino di Hank, voi che ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti! E se siete curiosi ,scoprite perché Breaking Bad non ha episodi natalizi nel nostro approfondimento!

Quanto è interessante?
3