di

Il produttore di Buffy l'ammazzavampiri, Joss Whedon, è da mesi al centro di uno scandalo in seguito alle accuse di comportamenti scorretti e non professionali che gli sono state mosse da attori e attrici che hanno lavorato con lui. In un'intervista l'attore James Marsters ha ricordato i problemi emersi sul set di Buffy.

Ospite del podcast "Inside of You" in cui l'attore Michael Rosenbaum (che ricorderete per aver interpretato Lex Luthor in Smallville) intervista altre star dello spettacolo, Marsters ha parlato del clima che si respirava sul set di Buffy l'ammazzavampiri.

Le dichiarazioni di James Marsters seguono le accuse già mosse da Charisma Carpenter, che in Buffy interpretava Cordelia Chase: l'attrice ha definito Whedon un "vampiro", raccontando di aver subito attacchi verbali durante il periodo della sua gravidanza.

In una precedente apparizione nel podcast di Rosenbaum, l'interprete di Spike aveva già raccontato di un litigio tra lui e Whedon, durante il quale il regista e produttore lo avrebbe spinto contro un muro, minacciandolo di far sparire il suo personaggio dalla serie.

In questa occasione, Marsters ha commentato ulteriormente quegli eventi e ha dichiarato di non essere a conoscenza degli incidenti tra i colleghi del cast e il produttore. Ha definito Whedon "un mago folle", capace di creare la magia sullo schermo, ma al tempo stesso una persona che nessuno voleva far arrabbiare.

Commentando l'irascibilità di Joss Whedon sul set, Marsters ha affermato che secondo lui la causa di tali comportamenti risiedeva negli alti standard che il regista si auto-imponeva per produrre uno show televisivo di successo come Buffy.

Certo è che dopo le dichiarazioni, alcuni colleghi del cast di Buffy vogliono passare all'azione, con l'obiettivo di promuovere un cambiamento nella società, affinché vi sia più empatia nei confronti delle vittime di abusi.

Quanto è interessante?
4