Netflix

Cabinet of Curiosities, Crispin Glover: "L'horror non ha bisogno del lieto fine"

Cabinet of Curiosities, Crispin Glover: 'L'horror non ha bisogno del lieto fine'
di

Cabinet of Curiosities è arrivata su Netflix oggi, e una delle sue star, Crispin Glover, non ah intenzione di promettere a nessuno un lieto fine. L'attore, che compare nella serie antologica di Guillermo del Toro, ha spiegato perché proprio un genere come l'horror non ha bisogno di finali didascalici o lieti fini per soddisfare lo spettatore.

In effetti, la star di Ritorno al futuro e Charlie's Angels ritiene che una delle cose più belle dell'horror sia che non c'è sempre un finale formulaico, e che ci sono vari modi in cui i finali cupi o agrodolci possono essere altrettanto buoni o migliori del lieto fine che il pubblico pensa di volere.

"Tendenzialmente mi piace l'horror psicologico, se vogliamo inserirlo in quel genere", ha detto Glover a ComicBook. "Ho sempre pensato che Repulsione di Polanski fosse un fantastico film di orrore psicologico. Ma poi mi piacciono anche le metafore che a volte si fanno. Ho sempre pensato che alcune delle metafore presenti ne La notte dei morti viventi e L'alba dei morti viventi rientrassero in questo genere. Ma anche tornando ai vecchi classici dell'horror, come Boris Karloff nei panni del Mostro di Frankenstein, non riesco a capire cosa apprezzo, ma la sua interpretazione è bellissima. E c'è pathos. Quando c'è un pathos nell'emarginato, lo trovo molto avvincente, e può essere reso in modo splendido nel genere horror. Quindi dipende da quali sono i miei aspetti preferiti in termini di conclusione, alcuni dei quali ho appena citato. C'è un pathos nel finale de La notte dei morti viventi, e c'è quella sorta di metafora sui diritti civili che è stata realizzata attraverso il casting, e che ho trovato molto eloquente. E poi, stranamente, L'alba dei morti viventi era davvero una grande critica sullo shopping".

Per quanto riguarda Frankenstein, ha aggiunto, "Beh, c'era un pathos. Ci si sente male per il personaggio interpretato da Boris Karloff. E Repulsione è difficile da analizzare. Passa attraverso questa sorta di stato delirante estremo in cui si vive essenzialmente il delirio del personaggio. E poi cambia, non dal suo punto di vista, ma da quello della sorella e del fidanzato della sorella. Ed è difficile stabilire: è un lieto fine? È un finale terribile? È difficile dirlo. Quando il castello crolla sul personaggio interpretato da Boris Karloff in Frankenstein, è un lieto fine? È il finale giusto? O è un finale triste? Se si tratta di un personaggio torturato, forse questa è la giusta felicità agrodolce per il fatto che non sarà più torturato. Quindi mi piacciono le cose che hanno più livelli in termini di finale, che sia felice o triste. Il dolceamaro spesso è un bel modo di concludere qualcosa".

La maggior parte delle recensioni di Cabinet of Curiosities è positiva, compresa la nostra recensione della serie di Guillermo del Toro.

FONTE: ComicBook
Quanto è interessante?
3