Marvel

Chi è Moon Knight, protagonista della nuova serie Marvel Studios per Disney+

Chi è Moon Knight, protagonista della nuova serie Marvel Studios per Disney+
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Durante la D23 Expo i Marvel Studios hanno annunciato una serie tv su Moon Knight, personaggio inedito su grande e piccolo schermo che andrà a rimpolpare la già piuttosto ampia offerta del servizio di streaming on demand Disney+.

Ma, esattamente, chi è questo Moon Knight?

Certamente molto meno celebre per il grande pubblico rispetto ad altri personaggi della Casa delle Idee come Hulk, Spider-Man o gli X-Men, Moon Knight venne creato dallo scrittore Doug Moench e dall'artista Don Perlin come nemico di Jack Russell nella serie a fumetti Werewolf by Night, nel 1975, per l'esattezza nel numero 32 del volume 1. Apparve solo in due numeri di quella serie, anche se i lettori si mostrarono subito un grande interesse nei suoi confronti.

A quel punto la Marvel iniziò a farlo comparire sempre più spesso ma altrove, come nelle serie Spectacular Spider-Man e The Defenders e altri. Nel 1980, a cinque anni dalla sua creazione, esordisce nella propria serie regolare, che avrebbe finalmente approfondito la sua storia con concetti che vengono esplorati ancora oggi.

Marc Spector, di professione mercenario, viene ingaggiato, col suo co-pilota e assistente Jean-Paul DuChamp, da un uomo di nome Raoul Bushman per una spedizione in Sudan: qui, insieme al dottor Peter Alraune e sua figlia Marlene, viene ritrovata la tomba della divinità egizia Khonshu, dio della luna e figlio di Amon-Ra (e, curiosamente, legato anche ad Occhio di Falco: la prima apparizione di Khonshu nei Marvel Comics, infatti, fu proprio in un sogno di Clint Barton).

La spedizione però finisce in tragedia in quanto Bushman uccide il dottor Alraune e spara a Marc, lasciandolo in fin di vita: il protagonista muore di fronte alla statua del dio della luna, che lo riporta in vita trasformandolo in uno spirito della vendetta, il Cavaliere della Luna; Moon Knight, appunto.

A complicare ulteriormente la faccenda, però, ci pensano i problemi mentali del protagonista: oltre al fatto che nella sua mente vivono tre diverse personalità (quella di Spector, quella di Steven Grant, un miliardario che appartiene all'alta società newyorkese e quella di Jake Lockley, un tassista che lavora di notte), nel corso degli anni vari scrittori hanno giocato con l'idea che Spector non sia affatto un servitore di Khonshu, ma che la divinità non possa essere nient'altro che un frutto della sua immaginazione. Anzi è possibile che Khonshu stesso sia una quarta personalità, la più equilibrata e pragmatica, quella che cerca di mantenere la pace tra le altre personalità.

Generalmente le testate dedicate al personaggio hanno sempre fatto parte della linea matura della Marvel Comics, dunque resta da vedere se Moon Knight sarà una serie adulta come i fumetti cui si ispira o se i Marvel Studios decideranno per un approccio PG-13.

Voi cosa ne pensate? Quali sono le vostre aspettative? Ditecelo nei commenti.

Se volete approfondire la storia editoriale di Moon Knight, restate sintonizzati sui nostri canali, dato che nei prossimi giorni arriverà uno speciale apposito.

Quanto è interessante?
5