Netflix

Cobra Kai 5, tutte le domande a cui la prossima stagione dovrà rispondere

Cobra Kai 5, tutte le domande a cui la prossima stagione dovrà rispondere
di

Ci ha lasciato senza alcuna speranza e incapaci di intravedere uno spiraglio di riscatto, il finale della quarta stagione di Cobra Kai. Un grande nemico deve essere sconfitto, ma molti personaggi si sono messi in viaggio per risolvere le loro storie private. Sono molti gli archi narrativi che dovranno trovare risposta nella quinta stagione.

Si è conclusa con la vittoria del Male sul Bene la quarta stagione della serie Netflix ispirata alla saga dei Karate Kid, il cui nuovo blocco di episodi è arrivato esattamente allo scadere del 2021. Un finale disastroso dal punto di vista collettivo, ma che sembra aver dato lo slancio ad alcuni personaggi per affrontare problemi irrisolti da tempo. Tutto ciò verrà affrontato nella quinta stagione di Cobra Kai in arrivo e visto che quanto accadrà prende le mosse dagli eventi appena occorsi, prima di cominciare vogliamo segnalarvi che quanto segue conterrà ovviamente spoiler sull’ultimo finale di stagione.

Tutta la stagione si è vista incentrata intorno al ritorno di Terry Silver (Thomas Ian Griffith), storico villain della saga dei Karate Kid e co-fondatore del dojo originale di John Kreese. Quest’ultimo l’ha chiamato a rapporto per aiutarlo nella scommessa stipulata nella stagione precedente con Johnny Lawrence e Daniel LaRusso: chi avesse perso il Torneo di All Valley, avrebbe chiuso per sempre i battenti. La vittoria è andata al Cobra Kai grazie alla corruzione dell’arbitro da parte di Silver, ma da questo spartiacque si sono diramate tutta una serie di sottotrame.

Innanzitutto c’è da capire la sorte di John Kreese in Cobra Kai 5, attualmente dietro le sbarre dopo la denuncia di Pastinaca (Paul Walter Hauser) di un pestaggio compiuto in realtà da Silver. Seppure secondaria, anche quella di Pastinaca è una sottotrama da tenere in considerazione, riammesso nel dojo dopo il tradimento ordito da Silver. Nel frattempo, con un impero imprenditoriale tutto da costruire, Kenny potrebbe diventare la punta di diamante del dojo di Silver e spingere invece Anthony LaRusso, bullizzato, a iscriversi al dojo del padre per difendersi.

Il grande colpo di scena, infatti, è che Daniel non ha chiuso il dojo nonostante la sconfitta, anche se risulta notevolmente ridimensionato. Per tentare di risollevarsi, Daniel ha chiesto aiuto a un antico alleato in un importante cliffhanger finale: si tratta del nemico/amico Chozen Toguchi, già visto nella terza stagione. Dal canto suo, Daniel potrebbe essere facilitato dalla divisione del campo avversario: non solo l’arresto di Kreese, che potrebbe dimostrarsi un prezioso alleato; ma anche la scoperta da parte di Tory Nichols di aver vinto contro Sam LaRusso con l’inganno. Questo potrebbe compromettere il suo rapporto con Silver?

Ultime, ma non meno importanti, sono le trame (private) di coloro che sembrano destinati a rimanere a margine della guerra che si sta preparando, spronati anzi a risolvere i propri problemi una volta persa la loro missione collettiva. Da un lato c’è Miguel Diaz, in cerca del padre biologico che però non sa di avere un figlio. Non abbiamo alcun indizio su chi possa essere, ma potrebbe rivelarsi un ex combattente di Karate. In suo soccorso potrebbero arrivare Johnny Lawrence e Robby Keane, riallacciando nel frattempo i rapporti padre-figlio. Voi cosa vi aspettate succederà? Ditecelo nei commenti!

Quanto è interessante?
1