Conleth Hill risponde alle accuse di Emilia Clarke sulla tazza di Starbucks

Conleth Hill risponde alle accuse di Emilia Clarke sulla tazza di Starbucks
di

La questione della tazza di Starbucks sarà probabilmente uno degli aspetti di quest'ultima stagione di Game of Thrones che ricorderemo ancora per tanto tempo e che, almeno, avrà sempre il merito di distogliere l'attenzione dalle infinite polemiche sulla qualità del finale dello show.

Si è detto e visto di tutto su quella ormai celebre tazza: attori che accusavano altri attori, cosplay, scherzosi omaggi alle star della serie… Qualche giorno fa, però, sembrava si fosse finalmente giunti alla risoluzione del caso.

Deus ex machina è stata Emilia Clarke che, al Tonight Show di Jimmy Fallon, rivelò che sarebbe stato Conleth Hill il proprietario dell'oggetto. La replica del diretto interessato, però, non si è fatta attendere troppo: "Non ci sono prove che sia stato io, quindi accusi pure qualcun altro. Avrei dovuto avere le braccia di Mr. Man per riuscire a lasciare una tazza lì. Sono morto per Emilia Clarke, eppure lei accusa me... Non rilascerò dichiarazioni finché non avrò un avvocato!" ha scherzosamente dichiarato l'interprete di Varys.

Come dicevamo, comunque, il disappunto dei fan nei confronti della stagione finale di Game of Thrones non accenna a scemare neanche a mesi dalla messa in onda dell'ultimo episodio: poco tempo fa gli stessi sceneggiatori Benioff e Weiss hanno dovuto ammettere alcuni errori commessi in sede di scrittura.

Quanto è interessante?
5