Su cosa si concentrerà questa terza stagione di The Handmaid's Tale?

Su cosa si concentrerà questa terza stagione di The Handmaid's Tale?
di

Aspettando la quarta puntata della celebre serie The Handmaid's Tale, Warren Littlefield afferma che questa stagione si concentrerà, oltre che sulla storia di June e dei personaggi che ruotano attorno a lei, anche sulle origini di Gilead, su come sia stato possibile creare un mondo del genere.

Il pubblico di The Handmaid's Tale non aspettava altro che di vedere cosa ha fatto il regime di Gilead a Washington, D.C. chiedendosi: cos'altro è cambiato nel mondo? E a quanto pare le risposte arriveranno "Nella terza stagione andremo proprio a Washington D.C.", ha detto a TV Guide il produttore esecutivo Warren Littlefield. Evidentemente è vero: non eravamo mai usciti dalla cittadina dove viveva June, neanche quando la serie si spostava dal Centro Rosso, ai percorsi che le ancelle facevano per fuggire, e soprattutto non si era mai vista una delle grandi metropoli che detiene il potere di questo regime. The Handmaid's Tale andrà dove non è mai arrivato. "Riveliamo come appare il monumento a Washington, e questo è una sorta di incrocio tra realtà e finzione. Abbiamo anche girato per un giorno intero sui gradini del Lincoln Memorial". È difficile immaginare che Gilead sia peggiore di quello che abbiamo già visto nella città dove vive June e nelle Colonie, ma non si avvicinano comunque a descrivere l'incubo surreale e orribile che la sede un tempo orgogliosa della democrazia Americana è diventata.

In definitiva, The Handmaid's Tale trasforma la capitale d'America in qualcosa di spaventoso e nuovoper tutti gli spettatori, come ogni cosa che è cambiata nello stile vite di questo mondo distopico dello show. Ma ci sarà un volto riconoscibile tra la folla lì alla nuova Washington, D.C., incontreremo il personaggio interpretato da Christopher Meloni, il comandante Winslow. "Meloni interpreta un comandante a Washington, DC, qualcuno che è molto più potente di Fred Waterford (Joseph Fiennes), sposato con sei figli, che è un'espressione del suo potere", ha detto il produttore esecutivo Bruce Mugnaio. Effettivamente a Gilead avere sei figli non può che essere un espressione di potere e importanza.

"Winslow è qualcuno che merita davvero di avere un figlio, ne hanno collezionati, hanno raccolto bambini da case che considerano inadatte, persino case di altri comandanti che infrangono le regole. Nella storia lui mostra come qualcuno a Gilead può esprime il suo potere". Littlefield e Miller promettono inoltre che la terza stagione rivelerà di più sulle origini di Gilead e su come è nato il suo regime totalitario, per citare una delle puntate più significative della prima stagione, la terza, che mostrava l'inizio di un mondo nuovo, diverso e di come pian piano si faceva la strada l'idea che le cose stessero davvero cambiando per sempre. Tecnica preferita dalla serie: l'uso di flashback farà luce su queste parti della storia.

"A volte i flashback sono la parte più divertente da fare per noi, perché siamo in grado di guardare il confine tra il nostro mondo e Gilead, come è successo e quali sono stati i segnali di allarme", ha detto Miller. "È affascinante: come trasformare una società libera in una società non libera? Basta fare un annuncio per dire che tutti non sono più liberi? Come realizzare quelle nuove regole praticamente, da un giorno all'altro?". Come abbiamo visto nelle varie puntate no, non basta, perché Gilead era già nell'aria quando tutti si sentivano liberi. Tanto che qualcuno arriva a dire che l'America di oggi somigli in parte a Gilead.

"Penso che ciò che mi permette di riuscire immaginare questa dittatura", ha proseguito: "è fare ricerca su altri regimi totalitari, come il nazismo, il fascismo, ma anche la teocrazia in Iran: l'Iran era una società molto moderna e poi si è ribaltata in una società tradizionale. Quindi, sì, entrambi vedremo e sentiremo molte informazioni e ricordi sulle origini di Gilead, attraverso il comandante Lawrence (Bradley Whitford), e in parte, anche da Serena (Yvonne Strahovski), su ciò che lei si aspettava da questo nuovo mondo. Sembrerebbe che il tempo di June con il Comandante Lawrence si rivelerà oltre che informativo, particolarmente sospetto. Anche considerando quanto siano inquietanti e illusori i tempi di pace e quiete a Gilead", ha concluso.

FONTE: TVguide
Quanto è interessante?
2