Il creatore di The Crown spiega il perché di un cameo inaspettato

Il creatore di The Crown spiega il perché di un cameo inaspettato
di

La terza stagione di The Crown è da pochissimi giorni disponibile su Netflix, con un cast rinnovato a cominciare dalla protagonista, la regina Elisabetta II, interpretata dal premio Oscar Olivia Colman. Chi ha già visto i primi episodi avrà notato un cameo che in un certo senso ha "infranto" le regole di Peter Morgan.

Secondo il creatore di The Crown, infatti, una volta che un Primo Ministro non è più in carica il suo personaggio sparisce per sempre dalla serie. Eppure, anche se per una sola scena, abbiamo visto tornare Winston Churchill, interpretato da John Lithgow. Come si spiega?

"Ci siamo davvero angosciati per questo" ha spiegato Peter Morgan, lasciando intendere i tormenti in fase di scrittura, nel podcast ufficiale della serie. "Ci sono state intense discussioni sull'opportunità di riportare una leggenda come John Lithgow per una sola scena."

Alla fine, "il motivo per cui abbiamo deciso di tornare a utilizzare Churchill è perché ci sembrava aggiungesse altra vulnerabilità per lei [la regina Elisabetta]. Sai, era l'ultimo legame con suo padre, ed è stato anche il suo primo Primo ministro. Si era affidata così tanto a lui. Ma ora, ovviamente, a questo punto della sua vita e del suo regno, è fiduciosa. Ormai ha avuto tre o quattro primi ministri."

Parlando del modo in cui il cameo di Lithgow influisce sulla terza serie di The Crown, lo showrunner ha spiegato: "Stiamo esplorando l'idea che non solo Downing Street potrebbe essere compromessa, ma anche Buckingham Palace potrebbe esserlo, nel pieno della Guerra Fredda, dalla presenza di un traditore. E lei si sente ancora più vulnerabile senza più Churchill a proteggerla. È un certo tipo di Inghilterra che se ne va con lui, e improvvisamente al suo posto hai Harold Wilson."

Tra i nuovi personaggi di The Crown 3 c'è Josh O'Connor, che per interpretare il principe Carlo ha dovuto imparare a parlare il gallese e ad andare a cavallo.

Quanto è interessante?
2