Damon Lindelof su Watchmen: "Quello che pensiamo dei supereroi è sbagliato"

di
INFORMAZIONI SCHEDA
Da quando la HBO ha annunciato il progetto di una serie televisiva basata sul Watchmen di Alan Moore, non c’erano più state novità in merito. Almeno fino ad oggi...

Nel corso del Vulture Fest, Damon Lindelof ha parlato per la prima volta del progetto, di cui è a capo, e del perché a deciso di dedicarsi proprio all’adattamento di Watchmen dopo la fine dell’acclamata The Leftlovers.

Watchmen era pericoloso. La ragione per cui la sto facendo è perché questi sono tempi pericolosi e abbiamo bisogno di questo tipo di show”. Lindelof, nel prosieguo della chiacchierata, ha rivelato di amare i film della Marvel e di aver appena visto Justice League: “Sono pazzo di Wonder Woman e Batman, sono cresciuto con questi personaggi. Anche se non dovremmo fidarci di gente che indossa una maschera e dice che lo fa per proteggerci. Se nascondi il tuo volto, non è per fare del bene”.

Tornando al Watchmen originale di Moore: “Nella metà degli anni Ottanta, mio padre mi diede il primo numero e disse: ‘Questo probabilmente è troppo maturo per te, ma penso che saprai capirlo’”. Lindelof ha ammesso che a 12 anni era effettivamente troppo maturo per lui, ma tutto ciò portò a un ricordo “romantico” della graphic novel. “Per un fissato come me con i supereroi, non ho mai fatto né un film né una serie sui supereroi e adesso è arrivato il momento”.

L’autore ha concluso che se HBO dovesse dare luce verde a una prima stagione, questa potrebbe andare in onda tra il 2018 e il 2019. Attualmente, Lindelof ci sta lavorando da più di un mese.

FONTE: IndieWire
Quanto è interessante?
10