Dark 3, confusi dagli universi paralleli? Ecco come riconoscerli

Dark 3, confusi dagli universi paralleli? Ecco come riconoscerli
di

La seconda stagione di Dark ha introdotto gli spettatori della serie Netflix a una nuovo concetto per lo show: gli universi paralleli. Così, per evitare quella che potrebbe essere una confusione più che comprensibile, specialmente all'inizio, i creatori della serie ci hanno fornito un piccolo aiuto visivo. Vediamo di cosa si tratta.

La tanto attesa terza stagione di Dark ha finalmente fatto il suo debutto su Netflix, il che vuol dire che avremo ora occasione di passare diverso tempo nella Winden alternativa, in compagnia de "l'altra Martha" e il resto degli "altri" personaggi. E malgrado questi presentino le loro differenze, a volte una leggera confusione, soprattutto prima che ci si possa abituare all'idea, è più che leggitima.

Così il sito The Wrap fa notare che, per riconoscere in maniera più immediata dove e con chi ci troviamo in determinate scene, dobbiamo far attenzione a un piccolo indizio visivo che i creatori dello show, Baran Bo Odar e Jantje Friese, ci hanno lasciato.

Tra una scena e l'altra, infatti, c'è un momento in cui è visibile (e anche udibile, in realtà) una sorta di distorsione, come quella che vedete anche nell'immagine in calce alla notizia. Questa transizione tra le scene è piuttosto inusuale per la serie, e potrebbe esservi d'aiuto per capire quando si passa da un universo all'altro.

Ma, come osserva anche il sito, non è detto che questo metodo funzioni sempre, perché c'è un alternarsi continuo con ogni cambio di scena.

Con il procedere degli episodi, tuttavia, e man mano che ci si abitua, non vi dovrebbero essere più problemi di confusione, e trucchetti come questo diventerebbero comunque futili.

E voi, avete già iniziato il binge-watching dell'ultima stagione di Dark? Fateci sapere nei commenti.

FONTE: The Wrap
Quanto è interessante?
4
Dark - stagione 3