Euphoria: Jacob Elordi e Alexa Demie sui loro personaggi e come hanno avuto il ruolo

Euphoria: Jacob Elordi e Alexa Demie sui loro personaggi e come hanno avuto il ruolo
di

Lui lo avete visto nella rom-com di Netflix, The Kissing Booth, lei nella serie tv di Showtime, Ray Donovan. Entrambi li potete ritrovare in Euphoria, il nuovo successo seriale targato HBO. Stiamo parlando di Jacob Elordi e Alexa Demie, che hanno raccontato qualcosa sulla loro esperienza nella serie di Sam Levinson.

Gli interpreti di Nate Jacobs e Maddy Perez, Jacob Elordi e Alexa Demie, raccontano in un'intervista com'è stato entrare a far parte di Euphoria, e qualcosa in più sui loro personaggi.

E a proposito di questi, cosa ne pensano gli attori?

AD: "Credo proprio che siamo cresciuti assieme a loro"

JE: "Assolutamente, siamo cresciuti con loro. Per quanto mi riguarda, fino al quinto episodio dovevo ancora entrare completamente in sintonia con l'aspetto romantico. Nei primi episodi viene stabilito che si tratta di un rapporto tormentato, e non è molto salutare. Ma dal quinto episodio ho iniziato a rendermi conto che questi ragazzi sono follemente innamorati l'uno dell'altra. E la nostra crescita personale è avvenuta al pari con la loro. Arrivati alla fine delle riprese, buona fortuna a capire dove finivano Maddy e Nate e dove iniziavano Alexa e Jacob. È stata la prima volta che mi perdevo davvero nel personaggio che interpretavo e nella sua storia".

Ma come hanno ottenuto il ruolo?

AD: "Un sacco di attori non amano le audizioni. Credo che Jacob abbia ancora scolpito nella memoria quando l'ho incontrato per la prima volta per il nostro provino insieme [per testare la chimica tra gli attori]. Avevo una borsa gigante piena zeppa di costumi tutti diversi, perché volevo davvero quel ruolo. E fin dal primo giorno, Sam [Levinson] è stato davvero molto disponibile, anche durante le audizioni. Mi ha addirittura aiutato a scegliere il costume per il provino. Le audizioni sono sempre molto difficili, anche in questo caso, ma sono rimasta concentrata. Sapevo cosa volevo, e ho visto bene di non dimenticarlo nemmeno per un secondo."

JE: "Da allora, è stato davvero strano. Ero praticamente senza una casa quando ho fatto il provino. Eravamo tutti in un momento difficile, molto in stile Classic Hollywood, quindi forse ce lo hanno letto in faccia che volevamo davvero quel ruolo. Quando si tratta di qualcosa di così alta qualità e sostanza, non puoi che preoccuparti e sperare fino all'ultimo. Stranamente, ogni cosa è andata come doveva andare, spiritualmente parlando".

AD: "È stata davvero un'esperienza spirituale. Quando ho visto Jacob per la prima volta ho pensato 'Quello è Nate. So che sarà lui Nate!'. E poi sono andata in un bar dove vedevano un sandwich chiamato Euphoria. Continuavo ad avere questa sincronicità con gli eventi che stavano accadendo. Anche con Zendaya come interprete di Rue, l'avevo sognata prima di incontrarla. E poi, quando ci siamo conosciute, è stato come se in realtà ci conoscessimo da sempre. Come un legame familiare istantaneo".

JE: "È stato così strano. Non puoi inventarte una serie di eventi come questi neanche volendo".

AD: "Ho incontrato Augustine Frizzell [la regista del pilot] un anno prima di Euphoria perchè avevo fatto il provino per un suo film (Never Goin' Back), ma non ero stata presa. Ma ci eravamo trovate, e mi ha mandato delle mail, 'So che lavoreremo insieme' mi disse. Ed esattamente a un anno da quel giorno ho ottenuto l'audizione per Euphoria, e lei in qualità di regista del pilot, era presente alle audizioni. Ho anche incontrato la ragazza che era stata presa in Never Goin' Back, ai provini. Assurdo!"

Era dunque destino per Elordi e Demie entrare a far parte di una produzione così importante come Euphoria.

In precedenza anche Zendaya aveva ribadito l'estrema rilevanza della serie, mentre Eric Dane aveva parlato delle difficoltà che implicano le scene di nudo in fase di riprese.

FONTE: Collider
Quanto è interessante?
1