Game of Thrones, l'agente di George RR Martin rivela: "avrebbe voluto dieci stagioni"

Game of Thrones, l'agente di George RR Martin rivela: 'avrebbe voluto dieci stagioni'
di

Non solo i fan di Game of Thrones, ma anche l’autore dei libri su cui la serie HBO è basata, George RR Martin, avrebbe voluto vedere più stagioni dello show dei record. Oltre a questo Martin si è pentito del finale di Game of Thrones e ha sempre dichiarato che il suo nei libri sarà ben diverso, ma ora si scoprono nuovi dettagli.

Come parte del nuovo libro del giornalista James Andrew Miller "Tinderbox: HBO's Ruthless Pursuit of New Frontiers", l'agente di Martin, Paul Haas, ha rivelato che l'autore è volato a New York più di una volta per incontrare l'allora CEO di HBO Richard Plepler per convincerlo ad estendere la corsa televisiva della serie.

"George sarebbe volato a New York per pranzare con Plepler, per pregarlo di fare 10 stagioni di 10 episodi perché c'era abbastanza materiale per questo e per dirgli che sarebbe stata un'esperienza più soddisfacente e più divertente", ha detto Haas. “Gli showrunner DB Weiss e David Beniof erano stanchi, giustamente. Avevano finito e volevano andare avanti, quindi hanno tagliato corto e poi le trattative sono diventate, quante stagioni possiamo allungare? Perché ovviamente HBO voleva di più".

L'autore ha detto nell'ottobre 2019 che la serie avrebbe avuto bisogno di almeno 13 stagioni per rendere giustizia ai suoi libri. Prima che il finale di serie andasse in onda nel maggio 2019, Martin ha pubblicato un post sul blog in cui affermava di sentirsi "un po' triste" per la fine dello show nel suo ottavo anno. L'autore ha aggiunto: "Vorrei che avessimo qualche altra stagione. Ma io capisco. Gli showrunner David Benioff e DB Weiss continueranno a fare altre cose, e sono sicuro che alcuni degli attori sono stati assunti per sette o otto anni, e vorrebbero assumere altri ruoli. Tutto ciò è giusto. Non sono arrabbiato o cose del genere, ma c'è un po' di malinconia in me".

Parte del motivo per cui Martin si sentiva sconvolto per il finale di Thrones era dovuto al modo in cui il cast e la troupe dello show erano diventati una famiglia allargata. “Ogni volta che uno spettacolo finisce, e più a lungo dura lo spettacolo, più è difficile. Diventa davvero con una famiglia, stai con loro per gran parte dell'anno, e non solo lavori con loro, ma vivi spesso con loro in qualche luogo lontano dove state tutti insieme in un hotel. Li vedi tutti i giorni, tipo cinque giorni alla settimana, a volte sette giorni alla settimana. Sono molto intensamente coinvolti nella tua vita. Poi finisce e tutti si disperdono fino ai confini della terra" ha scritto.

Date un'occhiata al trailer di House of the Dragon, serie prequel di Game of Thrones in arrivo su HBO e fateci sapere nei commenti se vi sarebbe piaciuto avere più stagioni di GoT, magari con un finale che avrebbe reso giustizia ai romanzi di Martin.

FONTE: IW
Quanto è interessante?
6