Game of Thrones, chi sarà Azor Ahai nei libri di George Martin?

Game of Thrones, chi sarà Azor Ahai nei libri di George Martin?
di

L'adattamento di HBO della serie Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin ha concluso la sua messa in onda di otto stagioni con molte domande rimaste senza risposta. Tuttavia, uno dei più grandi è stata l'identità di Azor Ahai, un eroe leggendario che secondo la profezia sarebbe rinato come salvatore di Westeros.

La profezia di questo guerriero nella serie Game of Thrones è stata sostituita da una profezia simile su un altro principe dalle origini non del tutto chiare. Molti fan hanno ipotizzato che Azor Ahai e il principe della serie fossero la stessa cosa. Contrariamente alla credenza popolare, tuttavia, le figure leggendarie hanno marcate differenze.

Il Trono di Spade includeva anche un breve Easter Egg che presentava il personaggio di Azor Ahai in un vecchio testo, ma The Winds of Winter – il sesto capitolo di George RR Martin nella serie di libri Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco – potrebbe finalmente rivelare l'identità di Azor Ahai una volta e per tutti.

La storia di Azor Ahai, comunque, inizia nell'oscurità. Cinquemila anni prima degli eventi di Game of Thrones, gli antichi libri di Asshai, un'oscura città portuale nella regione di Essos, predissero un eroe che avrebbe forgiato una spada fiammeggiante e potente. Quest'arma, giustamente chiamata Portatrice di Luce, avrebbe aiutato Azor Ahai a sconfiggere l'oscurità che avvolge il mondo. L'eroe ha lavorato per un mese per forgiare l'arma.

I suoi primi due tentativi si conclusero con un fallimento, con la spada d'acciaio andata in frantumi dopo averla immersa una volta nell'acqua e poi aver pugnalato il cuore di un leone. A questo punto, il guerriero si rese conto che doveva uccidere la sua amata moglie, Nissa Nissa, affinché la spada diventasse davvero onnipotente. Purtroppo, quindi, fu costretto a trafiggere il cuore di suo moglie, fondendo la sua anima morente con l'acciaio della lama per creare la più potente delle spade, che è stata anche chiamata la Spada Rossa degli Eroi.

In sostanza, a Westeros si credeva che la storia si sarebbe ripetuta con l'arrivo della nuova oscurità rappresentata dalla Lunga Notte e dagli Estranei. A tal proposito Samwell Tarly e Gilly trascorrono gran parte della settima stagione di Game of Thrones facendo ricerche nella biblioteca della Cittadella e uno frame in particolare, rivela che Gilly ha letto un passaggio sulla profezia di Azor Ahai. Tuttavia, questo Easter Egg è stato l'unico riferimento ad Azor Ahai in Game of Thrones.

Melisandre, una sacerdotessa rossa al servizio del Signore della Luce, predisse che il fratello di re Robert, Stannis Baratheon, era il principe delle profezie. È per questo che è rimasta al suo fianco e ha lavorato così duramente per convincerlo che il percorso verso il Trono di Spade e l'usurpazione di Joffrey come re era la scelta giusta. Nei libri, Melisandre ha usato le personalità di Azor Ahai e del principe per descrivere la stessa profezia, quindi mentre l'argomento continua a destare dubbi sul fatto che le due profezie siano o meno la stessa cosa, ci sono alcune differenze notevoli tra loro.

Per prima cosa, provengono da religioni diverse. Azor Ahai deriva dalla religione R'hllor, mentre il Principe è una profezia di Valyria. Non è chiaro quale versione sia arrivata per prima nella storia inventata di George R.R. Martin, o se siano state entrambe ispirate dalla stessa storia. Anche la profezia di Azor Ahai allude chiaramente alla resurrezione e chiarisce che questa figura leggendaria è di sesso maschile. D'altra parte, poiché il principe è stato descritto in alto valyriano, nella profezia ha genere neutro, il che significa che potrebbe essere un uomo o una donna.

  • Quindi chi è Azor Ahai?

Game of Thrones non ha mai rivelato l'identità del misterioso Azor Ahai (o del Principe) e nemmeno i libri, almeno non ancora. Tuttavia, c'è stato un ampio dibattito su chi potrebbe essere il salvatore di Westeros. Dopo la morte di Stannis, a Melisandre viene chiesto di resuscitare Jon Snow. Dubita di poterlo fare, ma alla fine fa appello al Signore della Luce. Miracolosamente, Jon resuscita e poi conclude la sua storia nell'ottava stagione uccidendo Daenerys.

Col senno di poi, Jon sembra adattarsi al conto di Azor Ahai, essendo rinato solo per poi uccidere la sua amante con la sua spada. Melisandre stessa fa capire fortemente come Jon sia il prescelto, tuttavia quest'ultimo è ancora morto nei libri e non c'è conferma se rinascerà entro la fine di The Winds of Winter o se Melisandre gestirà la sua resurrezione come ha fatto nello show.

Poi c'è Daenerys, che non è stata resuscitata nel senso tradizionale ma è sopravvissuta a un incendio, rinascendo dalle fiamme come Madre dei Draghi. Daenerys non ha nemmeno ucciso il suo amato Khal Drogo, ma è stata indirettamente coinvolta nella sua prematura scomparsa. Dany essendo la Portatrice della Luce potrebbe essere un cenno al fatto che controlla gli ultimi draghi viventi, che per caso sputano fuoco, illuminando la notte più buia.

Infine, c'è Arya Stark, che è diventata una contendente per il titolo di Azor Ahai in modo più prominente nella stagione 8. Con il senno di poi il suo viaggio è stato di rinascita iniziando Game of Thrones come Arya, figlia di Catelyn e Ned Stark, ma il suo addestramento con gli uomini senza volto le ha letteralmente insegnato come diventare qualcun altro. Winds of Winter potrebbe concludere quell'allenamento e rendere molto più chiaro il suo percorso per diventare una figura messianica. Inoltre, Arya ha ucciso il Re della Notte, il che la rende Azor Ahai per diritto, ed è possibile che The Winds of Winter crei lo stesso finale.

Ricordiamo che tutti aspettano questi nuovi libri per osservare un finale differente rispetto alla serie. Ricordiamo che l'insoddisfazione per il finale era arrivato anche da alcuni attori principali. Emilia Clarke aveva commentato l'insoddisfazione del pubblico nei confronti del finale di Game of Thrones, nel quale il suo personaggio cede alla follia e passa praticamente dalla parte dei villain, dopo essere stato per tanti anni tra i favoriti dei fan. L'attrice ha sempre cercato di essere molto diplomatica nell'indirizzare la questione, contrariamente ad altri colleghi come Charles Dance, che si disse confuso dagli eventi dell'ultimo episodio, e Nikolaj Coster-Waldau, che ha rivelato di esserne rimasto un po' deluso.

Quanto è interessante?
3