Game of Thrones, George Martin rivela: "vorrei essere rimasto al passo con i libri"

Game of Thrones, George Martin rivela: 'vorrei essere rimasto al passo con i libri'
di

L'autore di Cronache del ghiaccio e del fuoco, George RR Martin, è tornato a Chicago questa settimana, dove ha ricevuto un dottorato onorario dalla sua università, la Northwestern University. Durante la sua visita, ha rilasciato un'intervista a WTTW, dove ha parlato di scrittura, fama e del significato di Game of Thrones nella sua vita.

L'autore di Game of Thrones, laureato alla Medill School of Journalism della Northwestern, ha ricevuto un dottorato onorario durante la cerimonia di inaugurazione.

"È stato tutto molto gratificante", ha detto Martin in un'intervista a WTTW News. "È particolarmente bello ricevere un onore come questo dalla Northwestern, dove sono andato a scuola... mi fa trasalire rendermi conto che è passato mezzo secolo".

Quel mezzo secolo lo ha visto diventare autore e sceneggiatore di una serie HBO basata sui suoi romanzi che è diventata un fenomeno mondiale.

"Ha cambiato la mia vita, per lo più in modi positivi - anche se guardando indietro, vorrei essere rimasto al passo con i libri", ha ammesso Martin.

“Quando hanno iniziato quella serie, avevo già quattro libri in stampa, e il quinto è uscito proprio mentre la serie stava iniziando… non avrei mai pensato che mi avrebbero raggiunto, ma lo hanno fatto. Mi hanno raggiunto e mi hanno superato! Questo lo rendeva un po' strano, perché ora lo spettacolo era davanti a me e lo spettacolo stava andando in direzioni un po' diverse. Sto ancora lavorando al libro, ma vedrete la mia fine quando uscirà" ha detto.

Martin è stato un narratore per decenni, scrivendo, vendendo e persino interpretando storie di mostri per i bambini con cui è cresciuto a Bayonne, nel New Jersey.

"Scrivevo queste piccole storie di due, tre pagine, scritte a mano su carta strappata dal mio taccuino", ha raccontato Martin. “Ho letto loro la storia quando l'hanno comprate… ho fatto gli ululati del lupo mannaro e tutte quelle cose. L'ho vendute per un nichelino".

I suoi affari stavano andando bene fino a quando uno dei suoi clienti ha iniziato a vedere i lupi mannari nei suoi incubi. "Sua madre è venuta da mia madre e mia madre ha detto: 'Smettila di spaventare gli altri bambini!'", ed è così che ha smesso di scrivere storie horror per bambini.

Come matricola alla Northwestern, Martin ha vissuto la famigerata bufera di neve di Chicago del 1967 che ha ispirato un po’ la sua opera. Il campus, ha raccontato, era coperto di neve: "Hanno dovuto scavare trincee dalla porta del dormitorio alle porte di altri edifici. Era come il sistema di trincee nella prima guerra mondiale, tranne che invece di fango, erano fatto di neve”.

Anni dopo, quella gelida esperienza ha contribuito a influenzare il modo in cui Martin ha scritto degli inverni proibitivi e della Barriera di ghiaccio nel mondo di Game of Thrones:

“Se sei uno scrittore, se sei uno scrittore di narrativa archivi tutto. Tutto quello che ti succede: cose buone, cattive, da crepacuore, traumi, amore, morte”, ha detto Martin.

L'autore non è potuto entrare nei dettagli sui futuri spin-off di Game of Thrones, ricordiamo che House of The Dragon arriverà nel 2022 su Sky, ma ha ammesso di sentirsi fortunato ad essere associato a un immaginario così noto al mondo:

"Per un certo periodo è stato lo show televisivo popolare nel mondo. Ha vinto più Emmy di qualsiasi altro spettacolo nella storia della televisione", ha detto. “Sono molto contento di esserne associato. Mi ha anche reso famoso, cosa che ha mescolato i sentimenti. Penso che sia stato Bill Murray a dire che se sogni fama e fortuna, prova prima solo la fortuna. C'è qualcosa da dire per questo. La fama è sicuramente un'arma a doppio taglio. Ma scrivo storie su Westeros e sulle persone che ci vivono, i Sette Regni, dal 1991... Amo raccontare storie a riguardo, quindi ci sono molte più storie da raccontare" ha concluso.

Tra gli spin-off in uscita c'è House of The Dragon, un prequel ambientato 300 anni prima di Game of Thrones che i fanno stanno aspettando con impazienza, dopo il tanto criticato finale di serie.

FONTE: WTTW
Quanto è interessante?
6