di

Lo abbiamo visto di recente in streaming e on demand nel ruolo di Ago in Non mi uccidere di Andrea De Sica, ma l'amatissimo Giacomo Ferrara è soprattutto noto e idolatrato dal grande pubblico italiano - specie capitolino - grazie alla sua interpretazione di Spadino in Suburra - La Serie prodotta da Netflix.

Di recente, abbiamo avuto il piacere di incontrare faccia a faccia proprio Ferrara e intervistarlo alla 18° edizione del Monte Carlo Film Festival. Gli abbiamo domandato - tra le altre cose - quale fosse il bello del lavoro dell'interprete, e la sua risposta è stata:

"Giocare sicuramente e potersi immedesimare in altre persone, in altre vite. Mettersi a disposizione. Credo che l'attore diventi l'intruso e non che il personaggio sia l'intruso, perché appunto l'interprete deve togliere se stesso per poter interpretare al meglio quel personaggio". La visione è dunque molto shakesperiana e teatrale, e in fondo è così che viene anche vista da molti registi o attori internazionali.

Per il resto dell'intervista vi invitiamo a fare play sul video che trovate in alto nella notizia. Fateci poi ovviamente sapere cosa ne pensate e quanto siete fan di Giacomo Ferrara.

Per ulteriori approfondimenti vi proponiamo la nostra recensione della terza stagione di Suburra - La serie.

Quanto è interessante?
1