Il giovane Berlusconi: su Netflix arriva la serie tv dedicata alle origini del Cavaliere

Il giovane Berlusconi: su Netflix arriva la serie tv dedicata alle origini del Cavaliere
di

Dopo la serie su Rocco Siffredi Supersex, la piattaforma di streaming on demand Netflix ha presentato in queste ore anche la nuova docuserie Il giovane Berlusconi, un documentario in tre episodi che racconterà le origini di Silvio Berlusconi.

Lo show, che sarà disponibile per tutti gli abbonati alla piattaforma di streaming a partire dal prossimo 11 aprile, è descritta come un racconto vero, ironico, controverso e ricco di archivi e storie mai raccontate: le testimonianze di uomini e donne che, per motivi diversi, hanno conosciuto Silvio Berlusconi, dagli esordi degli anni ‘70, da Milano 2 all'invenzione della TV commerciale fino alla discesa in campo.

La serie è arricchita anche dalle testimonianze dei più stretti collaboratori di Silvio Berlusconi - personaggi noti, ma anche tecnici, autori, pubblicitari, figure chiave che hanno contribuito al suo successo personale e a quello della sua televisione – e di coloro che lo hanno avversato e criticato, tra cui Giovanni Minoli, Pino Corrias, Iva Zanicchi, Marcello Dell'Utri, Fedele Confalonieri, Carlo Freccero, Adriano Galliani, Achille Occhetto, Stefania Craxi, Jack Lang, Gigi Moncalvo e Vittorio Dotti.

La docuserie di 3 episodi è diretta da Simone Manetti ed è una produzione B&B Film in coproduzione con la società di produzione tedesca Gebreuder Beetz Filmproduktion e con l’emittente franco tedesca ZDF Arte.

Per altre docuserie italiane, scoprite Raffa disponibile su Disney+ e dedicata a Raffaella Carrà.

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi