Glee, altri dettagli sulla giornata di Naya Rivera al Giffoni Film Festival 2013

di

Tutti i fan italiani di Glee saranno sicuramente al corrente che il 24 luglio è arrivata in Italia la giovane attrice Naya Rivera, protagonista della serie tv Fox di Ryan Murphy che il prossimo 26 settembre tornerà sugli schermi americani con gli episodi inediti della quinta stagione, in cui interpreta il personaggio di Santana. Ebbene, alle prime informazioni che vi abbiamo riportato a questo indirizzo, eccone altre in questa notizia come una serie di video, un'intervista e alcune immagini, che vi riporteremo in calce alla notizia. La giornata della Rivera al Giffoni Film Festival 2013 è stata incredibile e tra i suoi fan l'emozione si poteva sentire nell'aria. Tutti vanno in tilt quando entra e inizia l'intervista, che vi proponiamo dopo il salto! A seguire i video e le immagini della giornata.

La prima domanda che le rivolgono è quale altro personaggio le sarebbe piaciuto interpretare: l'attrice ha risposto Harvey, il personaggio disabile.

-Come ti senti quando la gente ti dice 'tu sei la mia vita...'?

Questo è stato uno dei momenti più' belli ed emozionanti la mia vita. Vedere tanta gente che ama lo show e che aspetta me mi tocca nel profondo.

-Quali altri progetti?
Il mio primo progetto è restare a Glee per sempre e anche quello di fare la mia musica e farla arrivare a voi.

-Cosa ti piace di Santana e come evolverà il personaggio?
Uhm, non lo so. Qualunque cosa io pensi possa accaderle viene surclassato da quello che scrivono gli autori, molto più bravi di me a immaginare il futuro di Santana. Diciamo che starà a New York.

-Come è cambiata la tua vita col successo di Glee?
Oggi sono qui. Il successo è bellissimo.

-A proposito del messaggio gay-friendly di Glee
Sono molto orgogliosa di Glee che è riuscito a dare voce a tanti che hanno potuto uscire allo scoperto, a quanti non si sentivano liberi.

-Cosa hai provato quando hai scoperto che il tuo personaggio era gay? E Naya rivela come è nata la coppia ‘Brittana'-
Mi sono sentita totalmente a mio agio, anche perché già tra me e Heather (Brittany) c'era un po' questo gioco durante la lavorazione. Gli autori se ne sono accorti e ci hanno chiesto ‘ma cosa ne pensereste se facessimo evolvere i personaggi in questo senso?'. Perfetto, ho detto.

-Cosa ti piace e cosa non ti piace di Santana.
A volte non mi piace il modo in cui tratta la gente, anche se poi riesce a fare sempre una battuta e ad essere divertente.

-Come si svolge una giornata sul set di Glee?

Sveglia presto, trucco e parrucco, poi le prove, il che occupa almeno tre o quattro ore al giorno. Poi si girano alcune scene, ma ci sono anche le coreografie da provare. È una routine.

-Quale canzone ti piacerebbe interpretare in Glee?
Make you feel my love.

-In quale altro show ti piacerebbe lavorare?
Uhm... Nessun altro.

-Con chi ha legato di più sul set?
Ho stretto amicizia con tutti quelli del cast. E per questa ragione vi chiedo di fare un minuto di silenzio e voi sapete perché. Grazie per questo momento, grazie di cuore.

-Quando hai deciso che avresti fatto questo mestiere?
Ho iniziato questa carriera e ho scelto di farla grazie a mia mamma. Devo tutto a lei...

-Aneddoti dal set:
Sul set ci divertiamo un sacco. Ci facciamo un sacco di scherzi. Una volta ho messo nel bagno di Lea uno dei pupazzi che usiamo come ‘figuranti'. Io mi sono divertita, lei un po' meno.

-Cosa hai imparato in italiano?
Viva l'Italia.

-Dianne Agron ti ha parlato dell'esperienza che ha fatto qui l'anno scorso?

Sì, assolutamente. Quando ha saputo che sarei venuta qui mi ha detto che sarebbe stata l'esperienza più bella della mia vita e che sarebbe rimasto uno dei ricordi più belli di sempre".

-Con quali attori vorrebbe lavorare?
Mi piacerebbe lavorare con Denzel Washington, con Johnny Depp, e anche con Halle Berry.

-Come fare per non smettere mai di crederci?
Seguite il vostro sogno nonostante quello che gli altri vi dicono.

-Oggi tutti i ragazzi stanno cercando l'equilibrio tra la felicità di averti qui e la tristezza per la morte di Cory...
E' un argomento molto delicato e molto personale, ma venendo qui e parlando dello show penso di onorare Cory nel migliore dei modi.

-Come evolverà il suo personaggio?
Non ne sono certa, sarà una sorpresa anche per noi, ma di certo ci saranno, sempre di più, gli ingredienti che conoscete: ballo, canto e commedia.

-Cosa imparate dai guest di Glee?
Tutti i guest ci insegnano qualcosa e sono sempre ansiosa di imparare qualcosa da loro. Sono in attesa di vedere come si muovono, per carpire i segreti e diventare una star del cinema.

-Ti senti 'soffocata' da Glee?
No. Essendo un grande fenomeno culturale per il pubblico sembra che sia totalizzante, ma io faccio anche altre cose.

-Cosa ha in comune coi ragazzi che guardano Glee?
Tutto, visto che anche io ho ricevuto tante porte in faccia e ho sempre pensato che bisognasse andare sempre avanti e perseguire i propri sogni.

-E' rimasta in contatto con Will Smith?
Magari! Quando ho lavorato con lui avevo 5 anni. Anzi se lo vedete, fategli sapere che lo cerco.

-Che opinione ha di questo festival?
Intanto grazie a tutti per essere qui. Non ero mai stata in Italia prima di ora e posso dire che la adoro. E solo ora ho scoperto l'impatto così forte che lo show ha avuto anche qui.

-E' mai stata stalkizzata?
Ufficialmente?

-Quali ruoli per il futuro?
Mi piacerebbe interpretare qualcosa di diverso dal ruolo brillante di Santana, provare qualcosa tanto poi posso tornare in questo ruolo base di Santana.

-Cosa consigliare a chi non ha il coraggio di fare coming out, perché ha paura della reazione dei genitori o degli amici
La vita e troppo breve e dobbiamo viverla per noi stessi non per gli altri.

-Ti sei mai sentita privata della tua infanzia o della tua adolescenza?
Magari mi sentivo un po' più sotto pressione rispetto ai miei coetanei, ma sento di non aver perso nulla della mia vita. Anzi proprio l'essere rimasta concentrata sul l'obiettivo mi ha permesso di arrivare dove sono.

-Santana nella serie è maturata. E tu?
Di certo sono cresciuta. Anche perché ho iniziato a lavorare nello show che avevo 21 anni e a gennaio ne compirò 27. Sono cresciuta come persona e ho imparato a lavorare sempre meglio.

-Ti senti soddisfatta, realizzata?
Questo successo per me è inaspettato e io non posso che ringraziarvi per tutto questo.

Quanto è interessante?
0