Glee, critiche pesanti dei conservatori sull' episodio a favore dei gay

INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il critico Dan Gainor avrebbe commentato, in un modo molto pesante tramite ABCNews.com, l' ultimo episodio della seconda stagione di Glee trasmesso lo scorso martedi e intitolato Born This Way con questa affermazione: "Questa è l’ultima iniziativa depravata di Ryan Murphy per promuovere il suo programma gay". La puntata dedicata all' omosessualità dove il bullismo gay viene stigmatizzato, avrebbe suscitato l' ira di Gainor che ha poi affermato, descrivendo la McKinley High come "il liceo più gay della storia dell’umanità. Questa è chiaramente la visione di Ryan Murphy di come dovrebbe essere il processo di crescita, non rappresenta la visione della maggior parte dell’America. E’ un liceo che la maggior parte dei genitori non vorrebbe per i propri figli", ha infine concluso il critico, che è anche vice presidente per gli affari e la cultura al Media Research Center. Gainor non è nuovo a queste furenti critiche nei confronti dello show: lo scorso autunno lo ha addirittura descritto come "un disgustoso gioco sessuale per adolescenti gay", dopo la trasmissione dell' episodio in cui Naya Rivera (Santana) e Heather Morris (Brittany) si baciano. A mettere la ciliegina sulla torta ci ha pensato anche Victoria Jackson, ex comica del Saturday Night Live, che ha definito un episodio del telefilm nauseante, quello in cui Chris Colfer (Kurt) bacia un ragazzo per la prima volta: "Oltre a ficcarci i gay giù per la gola, hanno anche preso in giro i Cristiani... di nuovo! Mi chiedo quale sia il loro obiettivo. Ehi, produttori di Glee, che intenzioni avete? Tolleranza a senso unico?", ha scritto la Jackson sul suo blog WorldNetDaily.

Quanto è interessante?
0