Grant Gustin sull'Arrowverse: "Non tutti i momenti sul set sono stati idilliaci"

Grant Gustin sull'Arrowverse: 'Non tutti i momenti sul set sono stati idilliaci'
di

I giochi stanno per chiudersi: Crisi sulle Terre Infinite arriverà tra soli quattro giorni e, giunto al punto di non ritorno, Grant Gustin si concede un attimo di riflessione, ricordando alcuni dei momenti per lui più simbolici all'interno dell'universo The CW.

Si può dire che l'avventura nell'Arrowverse non sia iniziata col primo episodio di The Flash, trasmesso nel 2014, ma con il primissimo crossover targato The CW, quando Oliver Queen (Stephen Amell), John Diggle (David Ramsey) e Felicity Smoak (Emily Bett Rickards) arrivano a Central City per combattere il meta-umano Ray Bivolo al fianco di Barry Allen e della sua squadra.

Se l'incontro tra i due eroi ci è sembrato spettacolare, in realtà per Gustin ci sono stati non pochi problemi durante le riprese: "Ogni giorno eravamo preda dei paparazzi, ricordo di una foto in particolare con me e Stephen: lui indossa una giacca dello show, mentre io sono nel mio costume letteralmente ricoperto di colla: Non avevano ancora trovato un modo per tenere insieme il costume, quindi per i primi nove episodi sono stato incollato per almeno dodici ore al giorno."

Gustin prosegue affermando che durante le riprese di Firestorm, l'episodio in cui Flash e l'Anti-Flash s'incontrano per la prima volta, era così nervoso per le scene di combattimento che iniziò a balbettare sul set.

Non sono, però, mancati i momenti lieti, come quando lo scorso anno ha messo piede nella Fortezza della Solitudine al fianco di Superman, interpretato da Tyler Hoechlin in Elseworlds, il quinto crossover di The Flash.

Tra le più recenti difficoltà, invece, racconta di come le riprese siano diventate una vera e propria prova di resistenza: come molti attori che prendono parte a Crisi sulle Terre Infinite, Gustin sta girando gli episodi del crossover in parallelo con quelli della run principale del suo show, il ché vuol dire correre da un set ad un'altro senza sosta tutto il giorno.

Eppure, nonostante alcuni momenti di sconforto, afferma: "Questo è ciò che significa essere parte di una grande produzione, anno dopo anno. È un'esperienza unica che porterò nel cuore per il resto della mia vita, anche se non è stata così idilliaca come molti potrebbero pensare".

E voi? Siete tra quelli che attendono con ansia il debutto del crossover l'8 dicembre? Se sì, non fatevi sfuggire il Trailer ufficiale di Crisi sulle Terre Infinite e queste nuove foto dal set.

FONTE: ew
Quanto è interessante?
2