INFORMAZIONI SCHEDA
di

Hallmark Channel è nel bel mezzo di una polemica, che vede coinvolti diversi fronti, a causa di una pubblicità in cui due donne si baciano durante il loro matrimonio.

Lo spot è per Zola.com, un sito di wedding planning, ed è uno dei sei che sono stati trasmessi dall'emittente americana a partire dal 2 dicembre. Questo in particolare, però, ha catturato le attenzioni del gruppo conservativo One Million Moms, che in passato si era già distinto per una petizione contro Lucifer.

Il gruppo ha usato lo stesso metodo (inefficace con la serie con protagonista Tom Ellis), chiedendo al canale di non trasmettere più la pubblicità e altri contenuti LGBTQ+ perché "non adatti alla famiglia": "I genitori devono sapere che ora potrebbero ritrovarsi faccia a faccia con il programma LGBT quando guardano Hallmark Channel".

In questa occasione, però, le proteste hanno avuto effetto e l'emittente ha chinato il capo e ha interrotto la trasmissione della pubblicità spiegando che violava la politica aziendale, "che include il non mostrare pubblicità con contenuti politici, linguaggio offensivo o elementi vietati ai minori", come dichiarato da un portavoce di Hallmark.

La decisione dell'emittente ha così causato altre polemiche, da parte di coloro che hanno fatto notare che le altre pubblicità di Zola, quelle con persone eterosessuali, non hanno ricevuto lo stesso trattamento. Zola, inoltre, ha fatto sapere che la pubblicità voleva essere inclusiva e rivolgersi a tutti i tipi di coppie: "vogliamo che tutte le coppie si sentano accolte e celebrate e noi mostreremo sempre tutti i tipi di amore nei nostri spot".

Sulla questione è intervenuta anche Sarah Kate Ellis, presitende di GLAAD (un'importante associazione di attivismo LGBTQ+), spiegando che questa decisione è stata "discriminatoria e ipocrita", soprattutto considerando che è arrivata da parte di un network che di recente si è dichiarato aperto a contenuti LGBTQ+. La controversia si è ingrandita ulteriormente con il lancio dell'hashtag #BoycottHallmark, che è entrato in trending su Twitter.
Tra i vari personaggi che si sono esposti sulla vicenda, segnaliamo Andy Lassner, produttore esecutivo di Ellen, il quale ha invitato a boicottare Hallmark e di non restare in silenzio, ma anche Neil Gaiman, che si è scontrato più volte con One Million Moms e ha sottolineato che ridere in faccia a certe richieste sia il modo "più efficace" per tenerle a bada.

FONTE: Deadline
Quanto è interessante?
3