Halo 2, cosa succede nel primo episodio? Il recap della premiere

Halo 2, cosa succede nel primo episodio? Il recap della premiere
di

Il primo episodio della seconda stagione di Halo, Sanctuary, aveva un'enorme posta in gioco: rimettere in sesto lo show dopo una prima stagione decisamente non all'altezza delle aspettative. La storia di Master Chief, degli Spartan, del Covenant e di Halo stesso appariva leggermente confusionaria, ma a quanto pare le cose sono cambiate in meglio.

La première della seconda stagione di Halo è stata diretta da Debs Paterson e scritta dal nuovo showrunner David Wiener. Sia la sceneggiatrice che il regista sono stati chiari fin dall'inizio: il loro lavoro consisteva nel creare un'esperienza televisiva di Halo molto diversa da quella che abbiamo visto nella Stagione 1.

Ovviamente non proseguite nella lettura, se non volete incorrere in SPOILER. Prima vi consigliamo le lettura della recensione della prima stagione di Halo.

La première della nuova stagione di Halo si apre con una scena che colma il divario tra il cliffhanger del finale della Stagione 1 e il continuo della storia. Master Chief John-117 (Pablo Schreiber) è su un tavolo operatorio a malapena vivo dopo tutti i danni subiti durante la battaglia di Raas Kkhotskha. Durante il culmine di quella battaglia, Cortana ha preso il controllo del corpo di Master Chief per aiutarlo a vincere, mentre un finale con cliffhanger suggeriva che Cortana avesse mantenuto il controllo del suo corpo.

Il dialogo della scena d'apertura, in cui l'équipe medica è al lavoro su Chief, rivela che per salvargli la vita hanno interrotto il suo legame con Cortana. Un primo piano del volto di Master Chief mostra che anche se è rimasto immobile durante l'operazione ha provato il profondo dolore di perdere la sua compagna IA. Il destino finale di Cortana non viene mai mostrato.

Sei mesi dopo, Master Chief e la squadra Spartan Silver (Kai, Vannak e Riz) sono dislocati a Sanctuary, per indagare sulla scomparsa di un'unità di marine dell'UNSC e sulle voci di un imminente attacco Covenant. C'è un disordine civile tra gli ufficiali dell'UNSC e un culto religioso locale, che non vuole che gli estranei spazzino via la vita sul loro mondo. Veniamo informati che l'intera unità della Squadra Argento ha rimosso i chip di controllo, persino Vannak (Bentley Kalu), e vede il mondo in modo diverso. Quando il cecchino Kai (Kate Kennedy) scorge strani lampi di luce provenienti da una nebbia in lontananza, l'UNSC si rende conto che è in arrivo un cataclismatico attacco Covenant sul pianeta.

C'è una lunga sequenza d'azione (impressionante) in cui Master Chief deve combattere contro la squadra invisibile di nemici, e alla fine Chief e l'unico soldato sopravvissuto, il caporale Talia Perez (Cristina Rodlo), vengono quasi spazzati via finché gli Elites non si ritirano improvvisamente e inspiegabilmente. Il capo crede di scorgere Makee (Charlie Murphy) nella nebbia, alla guida degli Elites, ma non ne ha mai conferma.

Nel quartier generale di Reach, nelle Colonie Interne, Master Chief e la squadra Spartan Silver cercano di fare il punto della situazione e di riprendersi dalla battaglia di Sanctuary. La riunione di debriefing con il Capitano Jacob Keyes (Danny Sapani) rivela un grave disaccordo all'interno della squadra: Master Chief è stato l'unico a sostenere che le Elites Covenant erano a Sanctuary prima dell'attacco di annientamento e non riesce a togliersi dalla testa la domanda su cosa ci facessero lì, operando in segreto. La riunione viene interrotta dall'arrivo di James Ackerson (Joseph Morgan), l'ufficiale dei servizi segreti dell'UNSC che sostituisce il dottor Halsey.

Ackerson arriva e, in qualità di nuovo capo, trasmette messaggi molto contrastanti: conosce intimamente ogni membro della Squadra Argento e sembra rispettarli, ma si rifiuta anche di prendere per buona la testimonianza di Master Chief. Alla fine Ackerson esprime la sua determinazione a proteggere le colonie, anche se Master Chief dubita che esse siano davvero al sicuro.

Insomma, il tema di questa nuova stagione sembra essere molto chiaro: Master Chief è l'unico a rendersi conto dell'improvvisa minaccia incombente, mentre nessuno sembra dargli retta o credere alle sue parole. O magari la strategia è quello di isolarlo quanto più possibile per ridurre la sua influenza e il suo intervento sul futuro attacco. Lo scopriremo meglio nei prossimi episodi, sempre su Paramount+.

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi