Harry Potter: cosa vorremmo dalla serie TV e quali storie dovrebbe raccontare

Harry Potter: cosa vorremmo dalla serie TV e quali storie dovrebbe raccontare
di

Il 2020 negli Stati Uniti è stato, anche se in maniera limitata, l'anno di HBO Max, piattaforma di streaming di proprietà di Warner Bros. in cui andranno a confluire sia prodotti già di proprietà, come i film DC e affini, che nuovi contenuti originali.

Da giorni si susseguono notizie riguardanti una probabile serie televisiva dedicata all'universo magico di Harry Potter, ma sebbene ancora ci siano più smentite che conferme, cosa ci piacerebbe vedere in un'ipotetica serie televisiva?

Partiamo col dire che Harry Potter è uno dei franchise più famosi e di successo della storia del cinema e dell'editoria. I libri hanno venduto milioni di copie e i film continuano a macinare miliardi di dollari. Una cosa, che, però non è mai andata già ai fan dei film e dei romanzi è l'aver dovuto tagliare interi personaggi e vicende per far rientrare interi romanzi in poche ore di pellicola. Chiaro che un adattamento seriale potrebbe ovviare a questi problemi.

Il problema, però, è che più si estende un mondo di fantasia, più il terreno accidentato della realtà potrebbe rovinarne lo sviluppo. Ad esempio, Rowling's Magic in Nord America, sceneggiatura incentrata su Harry Potter pubblicata nel 2016 su Pottermore in previsione dell'adattamento cinematografico, ha scatenato un putiferio perché stravolgeva nettamente alcuni aspetti delle opere classiche.

Una nuova serie, tuttavia, potrebbe scavare in questioni in cui gli addendum post facto della Rowling sono stati letti nel migliore dei casi come irriverenti, nel peggiore dei casi opportunistici, egoistici e paternalistici come il fatto che Silente era gay nonostante non fosse presente alcun riferimento esplicito nei libri, o che uno studente ebreo era in Corvonero, o ancora che in Giappone esista una scuola di magia simile ad Hogwarts.

A parte i punti di vista della Rowling, la serie originale è stata costruita attorno alla dottrina della purezza del sangue, uno spirito di inclusione ed empatia che è un territorio fertile per prequel, sequel o persino un hot drama per adolescenti in stile Riverdale. Questa è forse la via da seguire per una serie TV di Harry Potter: un programma che si appoggia meno sugli arcani magici e più sulla capacità di comprensione dei libri. Uno spettacolo che si basa meno su revisioni infondate e più interessato a esplorare con dettagli le identità del mondo magico in relazione al nostro.

In attesa di novità sul progetto, vi ricordiamo che in questo periodo si stanno svolgendo in Inghilterra le riprese di Animali Fantastici 3 in vista dell'uscita a luglio 2022.

Quanto è interessante?
1