Homeland 2, Mandy Patinkin parla del suo personaggio e di Claire Danes

di

Mandy Patinkin ha un rapporto molto forte con l'attrice Claire Danes, sia sul set che al di fuori. L'attore afferma che potrebbe morire per lei, vista la caratura della Danes e l'esperienza che mette in ogni ripresa, rendendola ricca di spessore. Patinkin nello show interpreta Saul, mentore e confidente dell'agente CIA, Carrie Mathison. Lui è l'unico a conoscere veramente l'estensione dei problemi mentali della protagonista, e la loro relazione nel telefilm è salda così come nella vita reale.

Il mentore compara la figura della sua protetta a quella di Anna Frank: "grazie all'empatia capisce e compatisce gli altri, è dotata di saggezza; l'unico motivo per cui c'è Saul è quello di difenderla e salvarle la vita." Il reclutamento di Carrie nell'architettura della serie è il modo per fare del bene: trovare una persona con del talento che riesca a trasformare il male del mondo in qualcosa di positivo. Grazie al fatto che i primi due episodi sono stati girati in Israele, l'attore è riuscito a viaggiare per conto suo incontrando la gente del posto, ma anche politici con cui si è confrontato sulla "questione palestinese". L'aver incontrato alcuni giovani che cercano in tutti i modi di convivere pacificamente ha permesso a Patinkin di andare avanti, spinto da un nuovo sentimento, impegnandosi razionalmente in qualunque cosa faccia, anche recitare.

Quanto è interessante?
0
Homeland 2, Mandy Patinkin parla del suo personaggio e di Claire Danes