House of Cards: Michael Kelly sul perchè Doug Stamper piace a fan e critica

House of Cards: Michael Kelly sul perchè Doug Stamper piace a fan e critica
di

La sesta e ultima stagione di House of Cards arriverà questo autunno su Netflix, ma nel frattempo si passa per gli Emmy Awards. Michael Kelly, interprete di Doug Stamper e nominato come attore non protagonista, racconta il suo personaggio.

The Wrap, durante un'intervista con l'attore, ha chiesto a Michael Kelly perchè, secondo lui, il suo personaggio, che definiscono senza troppi giri di parole "una persona così orribile", abbia così successo tra i fan e tra i critici, al punto da essere uno dei favoriti per gli Emmy.

"Questa domanda è complicata quasi quanto Doug" risponde Kelly "Credo che come attore, tu voglia metterci del tuo nel personaggio; e quando lo fai, non importa quanto venga sepolto dal resto, comunque verrà fuori [e sarà percepito dal pubblico]. Per fortuna non somiglio in nessun modo a Doug Stamper. Ma anche se non sono d'accordo con le sue azioni, capisco tutto quello che ha fatto. Lui credeva di stare facendo la cosa giusta. Tutto lo show, alla fine, riguarda 'il male per un bene superiore', e nessuno ha preso seriamente questo motto come Doug".

Continua Kelly, elaborando ulteriormente il suo pensiero: "Per quanto ingiustificabili siano le sue azioni, credo che venissero da un luogo che molti possono comprendere, avendo combattuto, protetto o amato qualcuno. È importante. E credo che abbia una certa risonanza con l'audience perchè, in un certo senso, anche loro [gli spettatori] lo comprendono. Ha delle caratteristiche che la gente apprezza: lealtà e senso dell'amicizia, per quanto strano possa essere".

E conclude ammettendo "Non sai quante volte mi vengono a dire 'Se solo avessi un Doug Stamper nel mio team!'. È l'uomo che vuoi avere dalla tua parte. È il tipo che farà qualsiasi cosa ti serva che vada fatta".

House of Cards tornerà il 2 novembre con la sua sesta e ultima stagione su Netflix.

FONTE: The Wrap
Quanto è interessante?
3