Jay Pickett, muore improvvisamente la star della soap opera General Hospital

Jay Pickett, muore improvvisamente la star della soap opera General Hospital
di

Jay Pickett, una delle star più importanti nel mondo delle soap americane, è scomparso lo scorso 30 luglio mentre si trovava al lavoro sul set del film Treasure Valley. Aveva 60 anni. Secondo quanto ha raccontato l'amico e collega Jim Heffel, Pickett è morto mentre si trovava a cavallo, in attesa di girare una scena nel moderno western.

"Ieri ho perso un buon amico e il mondo ha perso una persona fantastica. Jay Pickett ha deciso di volare nei cieli. Jay è morto in sella ad un cavallo pronto a prendere al lazo un manzo nel film Treasure Valley in Idaho. La strada di un vero cowboy" ha scritto Heffel sui social.

Jay Pickett aveva scritto la sceneggiatura e aveva un ruolo in Treasure Valley, film che co-produceva insieme a Jim Heffel e Tucson Vernon Walker.
"Ci mancherà davvero. Cavalca come il vento, amico" ha concluso Heffel. La conferma della morte è arrivata sui social anche da un altro collega impegnato sul set, Travis Mills.
"Non esiste una spiegazione ufficiale per la causa della sua morte ma sembra che sia stato un attacco di cuore. Tutti i presenti hanno cercato con tutte le loro forze di tenerlo in vita. I nostri cuori sono spezzati e siamo addolorati per la sua famiglia, così devastata da questa sconvolgente tragedia" ha scritto Mills, che ha definito Jay Pickett come 'un uomo incredibile, gentile, dolce e generoso'.
Nato a Spokane, Washington, nel febbraio 1961, Jay Pickett crebbe a Caldwell, Idaho. Molto noto nel mondo delle soap per aver interpretato il dottor Chip Lakin in Il tempo della nostra vita, Frank Scanlon in Port Charles, e General Hospital.

Nelle ultime settimane sono diversi gli attori che sono scomparsi improvvisamente; da qualche giorno in Italia piangiamo la morte di Libero De Rienzo, uno dei più importanti interpreti del cinema italiano.

A Venezia verrà presentato l'ultimo film con Libero De Rienzo, Una relazione, al fianco di Guido Caprino ed Elena Radonicich.

FONTE: USA Today
Quanto è interessante?
3