L'interprete di Jesus in The Walking Dead parla degli avvenimenti della midseason premiere

di

Con l’avvicinarsi del ritorno della messa in onda della serie televisiva The Walking Dead si torna a parlare degli ultimi avvenimenti accaduti nel corso del midseason finale. Questa volta è il turno di Tom Payne, l’interprete di Jesus nello show televisivo in onda sul canale statunitense AMC.

La premiere di metà stagione dovrebbe segnare l’abbandono definitivo del giovane Carl Grimes (Chandler Riggs) dalle scene dello zombie serial più famoso degli ultimi tempi. A tal proposito è intervenuto l’attore Tom Payne, uno dei volti più recenti introdotti nell’arco narrativo della serie tv ispirata all’omonimo ciclo di fumetti scritti da Robert Kirkman:

Ho sempre pensato che Carl fosse il futuro dello show” ha dichiarato l’interprete di Jesus, il braccio destro di Maggie nella comunità di Hilltop. “Quello che accadrà d’ora in poi nella storyline sarà un genere di storia raccontata attraverso i suoi occhi. Ascolterete parecchie riflessioni di Carl nelle lettere da lui scritte”.

Payne ha confermato, inoltre, che la morte di uno dei personaggi storici di The Walking Dead causerà dolore per coloro che sopravvivranno a questo evento, in particolar modo per Rick (Andrew Lincoln). La perdita del figlio, infatti, farà crollare l’ultimo collegamento della vita vissuta dall’ex vicesceriffo prima che scoppiasse l’apocalisse (tenendo conto anche del fatto che Judith non sia sua figlia da un punto di vista biologico).

Queste le battute di chiusura dell’attore al termine della conversazione:

Rick perderà una buona fetta di sé perdendo Carl”.

Nel corso della midseason premiere il grande conflitto ha devastato tutti coloro che sono stati coinvolti. Alexandria è stata distrutta ed il Regno diviso a metà, alcuni sono morti, altri controllati dai Salvatori. Al centro di tutto questo c'è Rick che, dopo essere stato distratto dal conflitto, è appena tornato a casa ed ha scoperto che Carl, eroicamente sfuggito all'attacco di Negan, è stato morso da uno zombie. Rick dovrà fare i conti con la dura realtà e con quella che un tempo era la sua unica speranza in questa cruda esistenza. Carl è sempre stato un faro di speranza, una lezione di umanità che tutti i sopravvissuti dovranno tenere a mente durante il proseguimento della guerra. Nel frattempo Negan continua ad affrontare le lotte interne al suo gruppo, tra lavoratori, traditori e la sete di potere degli altri all'interno del Santuario. Mentre la guerra si consuma, la linea di demarcazione tra il bene e il male si fa sempre più offuscata. Le persone lottano per ciò in cui credono e lavorano insieme per qualcosa di più grande: sentirsi al sicuro e avere un mondo in cui valga la pena vivere.

Greg Nicotero, showrunner della premiere di metà stagione, ha già avvertito i fan di preparasi con i fazzoletti e che l'episodio è stato così potente da farlo piangere. Lo stesso Robert Kirkman ha difeso a spada tratta la decisione di far uscire di scena il personaggio interpretato dal giovane Chandler Riggs.

The Walking Dead tornerà dal 25 febbraio negli Stati Uniti, mentre in Italia dovremo attendere la messa in onda sul canale Fox il 26 febbraio.

FONTE: TVGuide
Quanto è interessante?
0