Ci lascia a soli 47 anni Mattia Torre, uno degli storici sceneggiatori di Boris

Ci lascia a soli 47 anni Mattia Torre, uno degli storici sceneggiatori di Boris
di

È con grande dispiacere che vi informiamo della morte dello sceneggiatore Mattia Torre, spentosi a Roma proprio in queste ore a soli 47 anni dopo una lunga malattia. L'autore era soprattutto noto e amatissimo per aver creato insieme a Luca Vendruscolo e Giacomo Ciarrapico la serie cult Boris, tra le più amate di sempre in Italia.

La carriera di Torre comincia negli anni '90, dal teatro, dove insieme al collega e amico Ciarrapico scrive commedie quali Io non c'entro, Tutto a posto e Piccole Anime. Nel 2002 passa poi al cinema con Piovono Mucche, commedia scritta invece con Vendruscolo, che vince anche il Premio Solinas per la miglior sceneggiatura. Torna poi al teatro con il monologo In mezzo al mare e sbarca in tv dal 2004 al 2011 con Parla con me, programma diretto da Serena Dandini.

È in questo periodo, però, che insieme a Vendruscolo e Ciarrapico lo sceneggiatore si metta al lavoro su di una fiction intenzionata a raccontare il dietro le quinte delle fiction italiane. Il progetto è appunto Boris ed è ormai un cult del piccolo schermo, una di quelle serie che fanno ormai parte della cultura popolare nostrana, citata in continuazione, amata per il suo stile pungente e sagace, parodico, a volte non-sense, spesso idiota, sempre e comunque brillante. Dopo tre stagioni, nel 2011 Torre e i colleghi scrivono e dirigono anche Boris - Il Film.

Nel 2014 tornano insieme anche per Ogni maledetto Natale e nel 2016 scrive insieme a Corrado Guzzanti la serie Sky Dov'è Mario? L'ultimo progetto di Mattia Torre è stato La linea verticale per Rai Play, basato sull'omonimo romanzo sempre scritto da lui.

La commedia italiana perde oggi uno dei suoi migliori esponenti.

FONTE: Il Mattino
Quanto è interessante?
3