Legion, Donner e Cameron parlano delle novità dello show e delle differenze con i film

Legion, Donner e Cameron parlano delle novità dello show e delle differenze con i film
di

I produttori esecutivi di Legion, la serie tv targata FX ambientata nel mondo degli X-Men, Lauren Shuler Donner e John Cameron, parlano delle peculiarità dello show e delle differenze con la saga cinematografica in un'intervista con Collider.

Sul concept televisivo di Legion e la sua efficacia:

LSD: "Io ho una prospettiva diversa al riguardo, dato che ho prodotto anche molti dei film sugli X-Men. Il modo migliore per sviluppare la storia in tv era evitare di imitare o seguire i film, e dare inizio a un universo del completamente a parte, e in questo senso è stato un enorme successo".

Su Switch e le regole dei viaggi nel tempo (di cui aveva parlato anche lo showrunner della serie):

JC: "Switch è del tutto innovativa ed estremamente interessante. È un enigma. Non sappiamo ancora granchè su di lei, né perchè sia qui, ma lo scopriremo. Affrontiamo le regole sui viaggi nel tempo e i piani astrali sceneggiatura dopo sceneggiatura. È parte del processo chiedersi 'possono davvero farlo questo? Come ci siamo arrivati qui?'. A volte dobbiamo tornare sui nostri passi e apportare dei cambiamenti 'Se succede questo adesso, allora deve succedere anche questo'. È un approccio di continua evoluzione della logica interna alla storia. E chiamarla logica non è nemmeno del tutto esatto."

LSD: "Ci proviamo [a delineare delle regole precise]. Quando viaggia nel tempo, lei [Switch] passa attraverso delle porte. A un certo punto abbiamo deciso di delineare per bene il tutto, quindi ogni porta rappresenta uno spazio temporale differente, che siano 20 minuti nel passato, un'ora, un giorno o un mese. Questo aiuta il pubblico a comprendere meglio come funziona."

JC: Anche se, più in là nella serie, le regole andranno a sgretolarsi. È lei la fonte di queste regole, ed è lei a poterle modificare a suo piacimento. Quindi è sempre un'incognita, il che è divertente.

Sul portare sul piccolo schermo Charles Xavier:

LSD: "Ero conscia dell'eredità che stavamo portando avanti. Personalmente, sono davvero elettrizzata all'idea. Ricordo ancora il giorno in cui sul set di X-Men: Giorni di un Futuro Passato sono arrivati sia James McAvoy che Patrick Stewart. Erano tutti su di giri, non solo James e Patrick. In questo modo l'eredità continua, e sempre all'interno del canone, ritroviamo un giovane, ingenuo Charles, che è appena venuto a conoscenza dei suoi poteri. È la conclusione della storia di Charles Xavier, e al momento giusto, ora che Fox è passata in mano a Disney e ci saranno delle nuove versioni del personaggio. Gli universi si sono sincronizzati per una meravigliosa coincidenza".

Su Harry Lloyd nel ruolo:

LSD: "Harry aggiunge questa vulnerabilità, questa ingenuità al personaggio. È come sarebbe stato Charles a quel tempo. Nell'eredità e nel mito che è questo mondo, lui non è consapevole del fatto che altri oltre a lui abbiano dei poteri, o almeno questo è quello che sosteniamo noi, perciò è questo il punto vista del suo personaggio qui".

La terza e ultima stagione di Legion è trasmessa da FX (USA) e Sky (Italia). Qui potete vedere il trailer del terzo episodio in onda questa notte, 8 luglio, in America.

FONTE: Collider
Quanto è interessante?
1